Rfid a servizio dell’arte

CloudServer

Si chiama Wi-Art la tecnologia Rfid per la fruizione del patrimonio artistico

Wi-Art rappresenta una prima risposta al bisogno di integrazione tra sviluppo tecnologico e patrimonio storico artistico in Italia. Wi-Art è l’applicazione uscita dal RFID Lab dell’Università La Sapienza ed è attiva presso il Museo delle Origini della stessa Università. L’applicazione, sviluppata su tecnologia Intel e Oracle, è in grado di fornire all’utente descrizioni storico-artistiche sulle opere e di orientarlo all’interno di un museo, attraverso un’interfaccia grafica semplice e l’uso di tecnologie Wi-Fi, RFID, Text to Speech.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore