Ricerca di GartnerG2 i telefonini battono Internet

NetworkProvider e servizi Internet

In Germania, Gran Bretagna e Francia, la popolazione giovanile (i ragazzi sotto i 25 anni) ritiene di gran lunga più importante il cellulare del computer

Tra il mese di dicembre 2000 e aprile 2002, il numero di utenti adulti di internet cresciuto solo dal 29% al 30%. La crescita si registra su un campione di utenti di et compresa tra i 35 e i 54 anni. Tra i pi giovani, di et compresa tra i 15 e i 17 anni, lutilizzo di internet diminuito del 5%. Al tempo stesso cresciuto decisamente luso dei telefoni cellulari, passando dal 55% al 62%, calcolando tutti gli utenti dai 15 anni in poi. Restringendo lanalisi agli utenti di et compresa tra i 15 e i 25 anni,la crescita attestata dal 77% al 86%. Vengono addotte diverse ragioni a spiegazione del fenomeno. Per cominciare lesperienza di Internet spesso poco entusiasmante laccesso lento, i motori di ricerca offrono scarsi risultati, molti siti web sono mal strutturati. Da un certo punto di vista il web peggiorato. I problemi con siti come Napster, ne sono un esempio. Ma molti altri servizi utili e interessanti sono stati sospesi, limitati, non sono pi ad accesso libero e gratuito. Oltre a questo, comunque, ci sono due ragioni per cui i telefoni cellulari competono direttamente con Internet tra i giovani gli SMS e la moda. I messaggi di testo sono una valida e immediata alternativa alle e-mail. Non possono sostituire la comunicazione absata su PC ma hanno sicuramente dei vantaggi, in termini di mobilit e ubiquit. Anche nel business, si comincia a realizzare che i messaggi di testo assicurano risposte pi veloci che le-mail. I telefoni cellulari sono un fenomeno molto pi di moda di quanto sia Internet. Il proliferare di accessori di moda non sar mai eguagliato dai PC. I cellulari sono strumenti piccoli, maneggevoli, personali e personalizzabili nelle forme, colori, misure e stili. I PC non lo sono.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore