Ricoh Aficio G700

LaptopMobility

Grazie alla tecnologia di stampa a gel, questa stampante per l’ufficio compete direttamente con le laser a colori per i costi di stampa

Si chiama Gelsprinter la nuova tecnologia che permette di realizzare stampanti dal prezzo competitivo, ma soprattutto con costi di mantenimento nettamente inferiori a quelli delle stampanti laser. Abbiamo provato la prima stampante Ricoh basata su questa tecnologia, un prodotto destinato ai piccoli e medi uffici. Gelsprinter si basa sull’utilizzo di particolari inchiostri gel che aderiscono e asciugano molto più rapidamente dell’inchiostro tradizionale, senza quindi impregnare eccessivamente la carta come accade nelle stampanti inkjet. Inoltre questa tecnologia non necessita di un fusore, e quindi di una fase di riscaldamento per fissare il toner. In questo modo la stampa, soprattutto nella prima pagina, è molto più rapida rispetto a una stampante laser a colori a quattro passaggi. La buona velocità di stampa misurata è dovuta anche all’innovativo utilizzo di una testina dalla larghezza inusuale di 3,2 cm, che permette di riempire il foglio in pochi passaggi. L’Aficio G700 si collega al Pc tramite porta Usb 2.0, ma come accessorio opzionale è disponibile anche un print server con porta Ethernet 10/100. Essendo una stampante Gdi, Aficio G700 è in grado di funzionare solo con sistemi operativi Windows. Aficio G700 è il modello più veloce, tra i due attualmente disponibili, e quello con funzionalità avanzate. La velocità di stampa dichiarata è infatti di 14 pagine al minuto in bianco e nero, e di 8,5 a colori in modalità standard, valori che salgono a 20 per entrambe le tipologie in modalità draft. La risoluzione massima è di 1.200×1.200 Dpi che può essere portata fino a 1.200×3.600 dpi, mentre la memoria integrata è di 16 Mbyte. Questo modello dispone inoltre della funzione duplex, che permette di stampare su entrambi i lati del foglio e di risparmiare sui costi di stampa, peraltro già contenuti. Infatti i costi sono relativi al solo consumo delle cartucce di inchiostro in quanto mancano gli altri componenti dedicati alla stampa tipici delle stampanti laser (come il tamburo fotosensibile, il fusore, la corona, eccetera). Le quattro cartucce di gel sono separate per colore e, nel modello in prova, sono supportate anche le versioni a lunga durata. La copertura assicurata dalle cartucce è variabile da colore a colore: con una copertura media del 5% del foglio, per il nero si va da 1.450 stampe per la cartuccia standard fino a 2.900 pagine per quella a lunga durata, mentre per il ciano le pagine sono 1.000 o 2.000. Con magenta e giallo invece si va da 1.150 a 2.300 pagine. Naturalmente anche i costi variano con la stessa proporzione, con prezzi, per esempio, di 37,20 euro per il nero, fino a 45,60 euro per il magenta e giallo standard. Per le cartucce a lunga durata i prezzi, come l’autonomia, salgono. All’accensione della stampante occorre attendere circa 25 secondi per la fase di riscaldamento e caricamento del gel nella testina, che è alimentata tramite appositi tubicini separati per ciascun colore. I risultati ottenuti con i nostri test indicano un ottimo valore sulla prima pagina, per la quale occorre aspettare da 7 a un massimo di 13 secondi a seconda si tratti di documenti con solo testo oppure con grafica. Complessivamente la velocità di stampa è molto buona sia per la stampa B/N che per quella mista testo e grafica, con valori misurati rispettivamente di 14,2 e 10,8 ppm con i nostri test. Per quanto riguarda la qualità generale, utilizzando carta comune abbiamo riscontrato colori poco brillanti, ma paragonabili a quelli di molte stampanti laser a colori. Del resto si tratta di una periferica per l’ufficio e non per stampe fotografiche. La retinatura in alcuni casi è particolarmente evidente e rende poco continue le sfumature e le tonalità simili tra loro. Stampando su carta patinata, come quella utilizzata per le getto d’inchiostro, i colori risultano molto più intensi ma è ravvisabile un discreto effetto banding e le singole passate sono distinguibili l’una dall’altra.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore