Riflessioni estive

Management

Cosa e’ accaduto nei primi 180 giorni dell’anno.

Come di consueto al giro di boa dell’anno mi accingo a fare un pò di riflessioni su quello che è accaduto nei primi 180 giorni. Lo scenario economico: contrariamente a quanto prospettato all’inizio dell’anno se ci sarà ripresa economica questa inizierà nel corso del quarto trimestre 2003, anche se a oggi nessuno sa quale potrà essere la portata e la durata. I distributori: se tralasciamo il caso eclatante di Opengate, ancora lontano da essere chiarito definitivamente, e le dimissioni a sorpresa di Paolo Strina di TechData (in questo momento non si ha una visione chiara di quello che sarà il dopo Strina), nel corso del primo semestre dell’anno ci sono stati player che hanno tirato una riga e si sono dati da fare per rimettere in rotta la propria nave (Tecnodiffusione) e ci sono stati attori come Actebis, Brevi, Digits, Esprinet, per citarne alcuni (mi scuso per le eventuali dimenticanze), che per disgrazie altrui o per propria capacità commerciale hanno continuato a macinare business nel segno positivo. Ci sono state però anche sorprese: prima fra tutte Algol, che non solo ha ritrovato vigore e slancio, ma ha anche messo una seria ipoteca – con l’acquisizione di J.Soft – per diventare una realtà importante nel settore del software, dopo anni di specializzazione nel networking. Ci sono state anche le delusioni di realtà importanti come Ingram Micro, che continua a recitare un ruolo poco attivo nel mercato italiano (almeno questa è l’idea che si è fatta il sottoscritto). Poi c’è il mercato dell’information technology: quest’ultimo sonnecchia a colpi di gare Consip in attesa che il privato, aziende e famiglie, riprendano a fare acquisti. Per le prime nei prossimi mesi sarà quasi un passaggio obbligato se vogliono restare competitive nei confronti della concorrenza nazionale e oltre confine. Per le ultime invece si dovrà aspettare molto, prima l’euro, adesso i rincari nei beni di prima necessità spingono le famiglie a rinunciare all’acquisto tecnologico e nemmeno il piano per gli studenti annunciato dal Governo sta modificando le cose. A questo punto non mi resta che augurare buone vacanze per prepararsi a prendere al volo la ripresa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore