RIM dà un nuovo assaggio di BlackBerry 10

AziendeMarketing
L'exit strategy di Blackberry

Archiviato l’ultimo black-out in EMEA, RIM punta a mostrare la nuova piattaforma BlackBerry 10 (BB10), slittata ad inizio 2013, alla conferenza sviluppatori di San Jose

Dopo l’ultimo black-out di circa tre ore che ha afflitto milioni di utenti in Europa, Asia e Africa, fino al 6% del parco clienti del Blackberry, RIM ha porto le sue scuse per il disservizio, anche se assicura che non sono state perse email. In occasione del BlackBerry Jam Americas, prima nota come BlackBerry Developer Conference, RIM vuole offrire un nuovo assaggio di BlackBerry 10, l’attesa nuova piattaforma BB10, touch, che è slittata al 2013.

Il Ceo di RIM, Thorsten Heins, permetterà di conoscere lo stato dell’arte di BlackBerry 10 (BB10) alla conferenza sviluppatori che sta per aprirsi a San Jose. Gli smartphone con BlackBerry 10 dovrebbero arrivare a inizio nuovo anno. Secondo stime, RIM avrebbe registrato un crollo del 41% delle vendite e una caduta libera del 43% del fatturato.

RIM ha già archiviato sei trimestri in cui ha disatteso le aspettative. Ma il ritardo di Blackberry 10, unito al debutto da record di iPhone 5 (Apple ha venduto 5 milioni di smartphone in tre giorni), potrebbe costituire un mix letale per le già anemiche vendite di RIM. Anche perché Samsung Galaxy S III, forte degli oltre 20 milioni di pezzi venduti in 100 giorni, e i nuovi Nokia Lumia, rappresentano una tentazione per gli utenti Blackberry delusi. Il colosso canadese, che una volta dominava il mercato smartphone grazie all’invenzione dell’email mobile, adesso è scivolato al 4.8%. Il titolo di RIM ha perso il 95% da metà 2008.

RIM ha ancora una base utenti di 78 milioni di abbonati ai servizi, nessun debito e 2 miliardi di dollari in contanti. Ora RIM deve convincere gli sviluppatori a scommettere su BB10, in attesa del lancio a inizio 2013. Nel frattempo RIM ha siglato una nuova partnership con Microsoft relativa all’utilizzo della tecnologia ExFAT. Si tratta un nuovo file system, noto come exFAT, di Microsoft, in grado di semplificare la portabilità di datidi grandi dimensioni per agevolare l’interscambio tra PC e altri dispositivi elettronici. exFAT supporta hard disk a partire da 32GB fino a 256TB, gestione di più di 4000 immagini (RAW), 100 film in HD o 60 ore di registrazione in HD in una singola directory, accelerazione nel salvataggio su schede di memoria SDXC fino a velocita’ di 300MBps. Microsoft e RIM sono già da tempo alleate: nel 2011 BES è stato integrato nel cloud di Microsoft Office 365.

Infine, secondo il Telegraph il Ceo Thorsten Heins potrebbe offrire in licenza il prossimo sistema operativo BB10 ad altri vendor hardware, una volta lanciato. RIM vuole rendere BB10 un’alternativa ad Android. Interessata a produrre uno smartphone BB10 sarebbe anche HTC.

Rim svela qualcosa di più di Blackberry 10
Rim svela qualcosa di più di Blackberry 10
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore