Rim e Google si contendono i brevetti di Nortel

AziendeMarketing

Google aveva offerto 900 milioni di dollari, ma Rim vuole superare Google e aggiudicarsi l’asset dei brevetti di Nortel

Anche Rim vuole partecipare all’asta dei brevetti di Nortel. Dunque Rim e Google si contenderanno i brevetti di Nortel. Google aveva offerto 900 milioni di dollari, ma il produttore del Blackberry potrebbe superare il produttore di Android. Nortel, finita in bancarotta nel gennaio 2009 (al culmine della crisi economica dopo il crack di Wall Street), ha lasciato un asset di brevetti notevole, essendo stata pioniera delle tecnologia wired e wireless.

Google vuole aggiudicarsi i brevetti Nortel per contrastare i concorrenti nella guerra dei brevetti. Android è sotto attacco di Oracle (per via di Java), Apple (contro Htc e Motorola) e Microsoft (contro Motorola Android).Google è un’azienda relativamente giovane e, sebbene abbia numerosi brevetti, deve confrontarsi con concorrenti dotati di portafoglibrevetti di più lunga data,“  ha spiegato Kent Walker, general counsel di Google, che da lunedì 4 aprile è guidato dal nuovo Ceo Larry Page.

Lo spezzatino di Nortel, dopo la bancarotta del 2009, era stato così ripartito. Nortel Networks ha ceduto il VoIp a Genband: nei mesi scorsi Nortel ha venduto asset Lte a Hitachi per 10 milioni di dollari; Ericsson ha invece acquisito la divisione mobile di Nortel, mentre Nokia Siemens si è aggiudicata Lte e Cdma da Nortel per 650 milioni di dollari; Ciena gli asset restanti per 769 milioni di dollari. Nortel possedeva 6 mila brevetti.

Ma, a partecipare all’asta, non saranno solo Rim e Google, ma probabilmente anche la cinese ZTE, la svedese Ericsson e RPX.

La guerra dei brevetti nel mercato smartphone
La guerra dei brevetti nel mercato smartphone
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore