Cancellata l’udienza, l’FBI non ha più bisogno di Apple

Autorità e normativeGiustizia
FBI: Il metodo di sblocco non funziona sui nuovi iPhone
1 3 Non ci sono commenti

Il Dipartimento di Giustizia vuole testare un metodo per sbloccare l’iPhone senza l’aiuto di Apple. Cancellata l’udienza in tribunale

Oggi si sarebbe dovuta tenere l’udienza del caso Apple vs. FBI, ma il Dipartimento di Giustizia (Doj) ne ha chiesto la cancellazione, affermando di non aver più bisogno di Apple per sbloccare l’iPhone 5C del caso della strage di San Bernardino.

L’iPhone 5C, usato dal terrorista Syed Farook, potrà essere decifrato senza l’aiuto di Apple, a cui l’FBI aveva chiesto di introdurre backdoor su iOS: al rifiuto del vendor IT, il Doj aveva chiesto a un tribunale di forzare l’azienda a collaborare. Fra l’altro, proprio ieri sera, all’evento per iPhone SE, Apple ha rilasciato iOS 9.3, che blinda ulteriormente il sistema operativo, introducendo una password anche sull’app Notes (dopo il decimo tentativo fallito, il sistema cancella tutti i dati): con questa mossa, il Ceo Tim Cook ha ribadito l’importanza della crittografia forte e il suo rifiuto ad introdurre “spifferi” su una piattaforma sempre più usata in ambiente business.

Cancellata l'udienza, l'FBI non ha più bisogno di Apple
Cancellata l’udienza, l’FBI non ha più bisogno di Apple

Adesso però è stata ottenuta la cancellazione dell’udienza, un’inversione a U rispetto all’escalation di toni di poche settimane fa. Il Dipartimento di Giustizia vuole testare un metodo per sbloccare l’iPhone e si dice “cautamente ottimista”.

Sulla decisione, forse pesa la pressione politica, dopo che Apple ha ricevuto il sostegno di oltre 40 aziende (da Microsoft a Google, da Twitter a Facebook), delle organizzazioni pro privacy, di un alto commissario dell’Onu e perfino del whistleblower Edward Snowden, tutti contrari all’introduzione di backdoor sui software. Un coro unanime di opposizione all’FBI, mentre il governo aveva ricevuto il supporto solo del presidente degli Stati Uniti Barack Obama e del filantropo e uomo più ricco del mondo, Bill Gates.

Ora resta da verificare se il metodo è percorribile, senza cancellare i dati dell’iPhone usato dal terrorista che, nel dicembre scorso, insieme alla moglioe, ha ucciso 14 persone e ferito altre 22 in un centro per disabili in California.

La cancellazione dell’udienza non è ancora una vittoria legale, secondo gli avvocati di Apple, visto che l’azienda potrebbe essere richiamata in tribunale fra due settimane.

In Senato, sta intanto circolando una bozza di normativa che prevede un law enforcement per obbligare in futuro le aziende come Apple a permettere alle autorità l’accesso ai dati crittografati.

Se il metodo dell’Fbi fallisse, i dati dell’iPhone usato dagli autori della strage verrebbero cancellati. Vedremo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore