Rise of Legends

Management

Nel segno del ?meglio pochi, ma buoni? Microsoft Games fa ancora centro.

Difficilmente le console, anche quelle di ultima generazione, riusciranno ad andare d’accordo con un genere complesso come i giochi strategici in tempo reale. Vuoi per la necessità di controllare, con il naso sempre a pochi centimetri dallo schermo, le proprie unità. Vuoi per la complessità delle manovre, assai difficili da comandare con un GamePad. Godiamoci quindi questo Rise of Legends con la convinzione che le emozioni vissute giocandolo al Pc resteranno uniche, almeno per qualche altro anno. Rise of Nations: Rise of Legends, è il coraggioso seguito (non un add-on!) del pluripremiato Rise of Nations. Coraggioso perché, in netta controtendenza rispetto ad altre famose saghe come Il Signore degli Anelli, Warcraft, SpellForce…, anziché puntare su un universo fantasy tradizionale popolato dal elfi, nani e orchi, propende per un mondo rinascimental-tecnologico che ha ben pochi precedenti tra gli Rts. Protagonisti della storia sono infatti tre razze: i Vinci che, come il grande Leonardo insegna, rappresentano il massimo della tecnologia applicata alle macchine; gli Alin, decisamente più fantasy, che sanno padroneggiare al meglio soprattutto la magia e le forze della natura; e i Cuotl, che apparentemente parenti degli Aztechi, rappresentano una sorta di ibrido dei Vinci e degli Alin. Tre razze, protagoniste di altrettante campagne, che finiscono per confluire in un unico disegno narrativo. Curatissimo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore