Ritardi per il 3G, ma poi ci sarà il boom

Network

Un report di Allied Business fotografa una soluzione favorevole per il futuro dei cellulari di terza generazione

Ieri avevamo dato la notizia dei rallentamenti nello sviluppo delle reti mobili di terza generazione, ma da Allied Business Intelligence, arriva un report che rassicura sul futuro della tecnologia. Le previsioni per i servizi 2.5G e 3G sono assolutamente incoraggianti e secondo quanto studiato dagli analisti, entro il 2006 si arriverà al mezzo milione di utenti in tutto il mondo che genereranno guadagni per 300 miliardi di dollari. I vendor delle infrastrutture per la piattaforma, si aspettano invece di arrivare ad un giro daffari da 100 miliardi entro lo stesso anno. Secondo Allied Business, affinché la tecnologia entri a pieno regime, si dovrà aspettare ancora 2 o 3 anni, ma alla fine i guadagni dovrebbero essere assicurati. Entro il Natale 2001, i sistemi 2.5G e 3G saranno disponibili in 10-15 città degli Stati Uniti, per estendersi a tutto il territorio nazionale entro il 2002 ha anticipato Larry Swasey, presidente di Allied Business, che prevede anche il lancio del 3G in tutte le nazioni più industrializzate del mondo, entro il 2002. Secondo Swasey il ritardo annunciato da Ntt DoCoMo che invece del 30 maggio partirà in ottobre e della British Telecom, che ha posticipato il lancio del servizio nellIsola di Man, potrebbero rappresentare un buon auspicio affinché gli operatori si decidano a partire solo quando sono effettivamente pronti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore