Rivoluzione in Google, l’azienda si chiamerà Alphabet

AziendeMercati e Finanza
Larry Page, Ceo di Google, investe in Calico, azienda di salute e benessere
3 0 Non ci sono commenti

Le azioni di Google diventeranno azioni Alphabet ma Google resta come controllata. Larry Page sarà il CEO di Alphabet. Brin il presidente, Sundar Pichai guiderà Google. La riorganizzazione consentirà più controllo su ogni singola attività e prepara l’azienda alle sfide future

Nel cuore dell’estate Google cambia nome: si chiamerà Alphabet, con un cambio alla pari delle azioni Google che diventeranno azioni Alphabet. Google però sopravvive, ridimensionata, come controllata, e sarà una sussidiaria di Alphabet che sarà composta da più società tutte indipendenti.

Larry Page, fino ad ora amministratore delegato di Google, avrà la stessa carica in Alphabet. Sergy Brin, il cofondatore sarà presidente e Schmidt sarà presidente esecutivo. Invece la nuova azienda e la controllata Google avranno un unico direttore finanziario, Ruth Porat, portato via da Morgan Stanley.

Larry Page, Ceo di Google, investe in Calico, azienda di salute e benessere
Larry Page, Ceo di Google, ha investito anche in Calico, azienda di salute e benessere

Anche Google, viene da dire, si adegua non solo al volere degli azionisti, ma anche al modello di tante altre società americane. E cioè quello di un ‘ombrello’ societario sotto il quale potersi muoversi più agilmente nell’acquisire, e cedere attività, con un controllo più granulare sui singoli business.

Infatti la riorganizzazione prevede che a fianco di Google arriveranno altre società, ognuna con il proprio organigramma. In questo modo sarà molto più facile tenere separati i business promettenti, da quelli consolidati, da quelli semplicemente sperimentali, ognuno di essi avrà un’azienda in cui crescere e di cui verificare i risultati. Lo spiega lo stesso Page annunciando il passaggio epocale sul blog di Google: “Il nostro modello sarà quello di avere un CEO forte in grado di guidare ciascun business con me e Brin al loro servizio, con il compito inoltre di gestire il capitale e fare in modo che ognuna delle attività possa dare il meglio”.

Google rimane il cuore ma concentrerà le proprie attività su motore di ricerca, Chrome e Android. Le tre voci di fatturato maggiore per l’azienda che al momento vanta ricavi per 66 miliardi, di cui il 90 percento circa arrivano dalla pubblicità. In Google diventerà amministratore delegato Sundar Pichai, non è un volto nuovo e conosce perfettamente la ‘creatura’.

Sundar Pichai, AD Google
Sundar Pichai, è il nuovo AD Google. Nella foto in occasione della sua presenza a MWC 2015 in Barcellona

Oltre a Google, sotto Alphabet ci sarà anche Google Ventures (venture capital) e Google Fiber per la connettività ultraveloce. In un certo senso la riorganizzazione porterà anche più ordine se si pensa che Google ha inoltre Calico e un altro brand in campo medico e che tutti i programmi sperimentali relativi all’automotive oggi rientrano nei programmi di GoogleX, la sezione di ricerca che ospita per esempio le sperimentazioni Wing sui droni.

E allora ecco spiegato bene il nome, Alphabet, è l’alfabeto, ed è pieno di lettere. La G di Google è una ma ve ne sono tante altre da creare. Obiettivo sempre lo stesso: vivere tutti, meglio. Vale prima di tutto per gli azionisti. Dopo l’annuncio il titolo Google ha subito un rialzo di oltre il 6 percento sul mercato after hours. Ora ogni azione vale 708 dollari.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore