Roaming dati e Sms, Gsma risponde all’ultimatum Ue

NetworkProvider e servizi Internet

L’Unione europea ha dato quattro mesi agli operatori per tagliare tariffe Sms e dati roaming. Ma Gsma a Mobile World Congress dichiara che gli operatoristanno già riducendo i costi senza tetti imposti dall’alto

Dopo il tetto alle tariffe roaming, la Ue è tornata all’assalto delle tariffe Sms e dati roaming. L’Unione europea ha dato quattro mesi agli operatori per tagliare le tariffe.

Non solo le chiamate all’estero sui cellulari costano meno, ma dovranno costare meno anche il download di dati da Internet e Sms in roaming e cioè dall’estero.

Kpn, 3 e Play hanno già deciso di ridurre le tariffe all’ingrosso tra loro a 0,25% per megabyte dal primo marzo; Vodafone quelle al dettaglio del 45%.

Ma c’è chi guarda con sospetto all’ultimatum Ue: Gsm a afferma che già gli operatori mobili stanno abbassando i prezzi e che il mercato dei servizi è in crescita.

Gsma vede le riduzioni già in atto, senza bisogno di un tetto imposto dall’alto.

Tom Phillips, Chief Government & Regulatory Affairs Officer di GSMA, crede che una regolamentazione Ue sia prematura in un mercato in evoluzione.

I gestori sono in grado di capire quali tariffe offrire, in un mercato competitivo.

Leggi le altre notizie su Mobile World Congress su Blog Eventi di NetMediaEurope

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore