Roaming UE azzerato dal 15 giugno 2017

4gMobility
Banda larga, la UE deve accelerare per attuare l'Agenda Digitale 2020
1 23 Non ci sono commenti

Con un anno d’anticipo sulla data del 2018, il roaming UE verrà eliminato dal 2017. Siglato l’accordo preliminare

L’Unione europea (UE) ha siglato l’accordo preliminare per azzerare il roaming UE, eliminando cioè il sovrapprezzo imposto quando si telefona in un Paese dell’Eurozona diverso dal proprio, dal 15 giugno 2017. Le frontiere cadranno anche nella telefonia mobile, con un anno d’anticipo rispetto al 2018. Lo ha annunciato la presidenza di turno lettone, dopo una maratona negoziale con il Parlamento europeo.

Roaming UE azzerato dal 15 giugno 2017
Roaming UE azzerato dal 15 giugno 2017

Da metà 2016, i cittadini europei dovranno accontentarsi di un numero ristretto di sms, chiamate e dati alla tariffa nazionale, oltre a un ulteriore taglio dei costi extra, dopo la sforbiciata del 55% del traffico dati, vocale e SMS, applicato dal primo luglio 2014.

Secondo indiscrezioni, Google è in trattative con Hutchison Whampoa (H3G) per azzerare i costi del roaming in UK, Hong Kong ed altri Paesi, per offrire agli utenti statunitensi la possibilità di telefonare all’estero senza costi aggiuntivi, tagliando i costi di roaming. L’intesa guarda a Gran Bretagna, Italia e ad altri mercati in cui 3 è attiva.

Conoscete la storia dell’Europa nella tecnologia? Misuratevi con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore