Roma decide di azzerare il Digital Divide in cinque anni

NetworkReti e infrastrutture

Un progetto da 600 milioni di euro vuole interamente cablare, entro un quinquennio, la capitale. Obiettivo: larghissima banda da 100 megabit al secondo

Mentre l’Italia è divisa in due dal divario digitale, Roma vuole dare l’addio al Digital divide con un progetto faraonico, per portare Roma a competere con le capitali asiatiche (Sud Corea) e Nord Europa.

Un progetto da 600 milioni di euro vuole interamente cablare, entro un quinquennio, la capitale con la banda larghissima da 100 megabit al secondo.

Roma sarà la prima città metropolitana europea ad essere interamente cablata con una rete di nuova generazione. Questa nuova potenzialità servirà a erogare ai cittadini nuovi servizi e a fare un salto di livello nella digitalizzazione della vita pubblica“, ha spiegato il sindaco di Roma Gianni Alemanno.

Roma poserà altri 4.000 chilometri, da aggiungere agli 8.000 chilometri di strade e già 2.000 chilometri di fibra. Telecom coprirà il 75% dell’investimento previsto e la parte rimanente dagli altri operatori.

Secondo l’Ocse, ogni euro investito in progetti di banda larga genera 4 euro di Pil (prodotto interno lordo).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore