MarketingNetworkProvider e servizi Internet

RSf: Lo stato della censura online nel 2011

Google Transparency Report fotografa lo stato della censura online
0 0 Nessun commento

La censura online è lontana dal diminuire, visto che nel 2011 il 30% in più dei blogger sono stati arrestati. I dati sui paesi “Nemici di Internet” nel rapporto di Reporters Senza Frontiere (RSF)

Nella giornata mondiale contro la cyber censura, Reporters Senza Frontiere (RSF) aggiorna l’elenco dei “Nemici di internet” e pubblica i paesi sotto stretta “cyber sorveglianza”. La censura online è lontana dal diminuire, visto che nel 2011 il 30% in più dei blogger sono stati arrestati, e in questo conteggio hanno avuto un peso la guerra civile in Siria e la guerra in Libia, culminata quest’ultima con l’uccisione del dittatore Gheddafi. Ma in Siria anche Eric Schmidt di Google ripete da mesi che la brutalità del regime è ormai sotto gli occhi di tutti. RSF denuncia che si attestano a 120 i cyber dissidenti ancora detenuti in galera.

La lista dei “Nemici di Internet” si infittisce: nel rapporto 2012 Bahrein e Bielorussia si sono unite al già drammatico elenco di Arabia Saudita, Birmania, Cina, Corea del Nord, Cuba, Iran, Uzbekistan, Siria, Turkmenistan e Vietnam. Questi sono paesi dove è pesante la propaganda on line, dove si usano filtri per censurare l’informazione, dove il tecno-controllo è adoperato per riconoscere i cyber dissidenti (che non si avvalgono di TOR), dove l’accesso alla rete è monitorato e centellinato (l’anno scorso in Tunisia ed Egitto venne “staccata” Internet). La lista dei paesi non internet-friendly si è dunque allungata, e Thailandia e Birmania stanno per entrare nel poco invidiabile gruppo dei Nemici di internet. Nella zona grigia si affollano anche Pakistan, l`Azerbaijan, il Marocco e il Tadjikistan.

Contro la censura online esistono dei “kit dsi sopravvivenza digitale”: in Egitto ebbero un ruolo importante i numeri messi a disposizione da Google; Speak2Tweet, un servizio, sviluppato insieme a Google, per registrare e ascoltare i messaggi vocali inviati via telefono a Twitter; le connessioni cifrate attraverso il software di anonimizzazione Tor; il programma per creare siti web, forum, blog e portali, al di fuori del web, che si diffonde in peer to peer (p2p) e si duplica nel Pc di ogni singolo nodo collegato; i sistemi di Google e Harvard per denunciare la censura nel mondo.

Rapporto RSF sulla censura online
Rapporto Reporters senza frontiere (RSF) sulla censura online
Resta connesso, iscriviti alle nostre newsletter gratuite!

Castigli Mirella, giornalista pubblicista. Dal 2000 ha collaborato con PC Magazine, Computer Idea, dal 2004 con VNUnet, dal 2007 ITespresso.it; con il progetto delle "Linee guida per la promozione della cittadinanza digitale: E-democracy", con il Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie. Libri pubblicati: "I motori di ricerca nel Caos della Rete" (ShaKe edizioni, 2000); "Mela Marcia" (Agenzia X, 2010); "Faccia da Web" (Reg. Toscana e Dip. della Gioventù della Pres. del Consiglio dei Ministri); "Zero Privacy" (Videa #InstantBook, 2014). Nel 2013 ha collaborato con DigiArte 2013 - 10th edition, dedicato ai Google Glass.

Seguici