Rugby Challenge 2006

Management

Accanto alle modalità classiche, il gioco offre infatti anche una serie di
originali varianti con regole un po’ diverse da quelle ufficiali

Il titolo sportivo di Ubisoft fa della varietà il suo punto di forza: accanto alle modalità classiche (Sei Nazioni, Tre Nazioni, Torneo Mondiale e così via), il gioco offre infatti anche una serie di originali varianti (per esempio ?Patata Bollente? e ?Rugby Antico?) con regole un po’ diverse da quelle ufficiali. Il limite più grande di Rugby Challenge è la modestia del comparto tecnico: i modelli dei giocatori sono tutti un po’ troppo simili gli uni agli altri e la grafica non è sicuramente sbalorditiva. Le meccaniche di gioco risultano molto sbilanciate sul lato arcade, tanto da risultare talvolta un po’ troppo semplicistiche. Degni di nota sono invece la buona localizzazione in italiano e l’utilizzo della licenza ufficiale della FIR (Federazione Italiana Rugby). Un titolo discreto, che non può essere però consigliato a chi ricerchi la fedeltà di una simulazione vera e propria.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore