Safer Internet Day, si alza il sipario sulla sicurezza europea

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Da oggi al 24 febbraio, Insafe, il network per la sicurezza su Internet della Commissione Europea, promuove un Web a misura di bambini: contro il cyber-bullismo e altri pericoli. Su MySpace il profilo dedicato all’evento italiano

Ieri, alla vigilia di Safer Internet Day , Telefono Arcobaleno ha rilasciato il tredicesimo Rapporto annuale sulla pedofilia online , in cui emerge che sono raddoppiati i consumatori europei di pedofilia, mentre il 42% delle vittime ha meno di 7 anni.

Secondo recenti dati dell’ Eurobarometro , i l 74% dei ragazzi tra i 12 e i 15 anni ha navigato su Internet almeno tre ore al giorno, e quasi tutti hanno visto materiale pornografico. Uno su tre chatta sotto gli 11 anni, e uno su due frequenta social network e siti della galassia Web 2.0.

Secondo la London School of Economics, il 77% dei genitori inglesi utilizza tecnologia di filtraggio Web per proteggere i minori in Rete.

Ma, secondo Insafe , il network co-fondatore dalla Ue, bisogna fare di più: da oggi al 24 febbraio, genitori e docenti a contatto con bambini, possono scaricare documenti e guardare video per aiutare i cyber-navigatori più piccoli a evitare le insidie sul Web.

In occasione del Safer Internet Day 2009, nasce su MySpace un profilo dedicato all’evento italiano per promuovere la lotta al bullismo online: la giornata mondiale per un utilizzo responsabile del Web e delle nuove tecnologie da parte dei più giovani, è organizzata in Italia da Adiconsum e Save the Children nell’ambito del programma “EASY” (Enhancing Awareness on ICT Safety for Young people).

Telefono Azzurro, invece, apre canale video su Youtube , con video anti cyber-bullismo.

Trend Micro approfitta di Safer Internet per ricordare a genitori e insegnanti le regole da seguire per evitare che bambini e ragazzi corrano rischi online. Ecco le sette regole di Trend Micro: osservare e limitare l’utilizzo di Internet (il computer di famiglia dovrebbe essere collocato in un punto della casa ben in vista ai genitori in modo tale che possano controllare il comportamento dei bambini mentre navigano in Internet. A seconda dell’età del bambino è necessario limitare la durata dell’accesso a Internet); parlare dell’uso del Web (soprattutto per i bambini più piccoli Trend Micro raccomanda ai genitori di stilare una lista dei siti preferiti dai loro figli. I genitori dovrebbero visitare questi siti per decidere innanzitutto se sono adeguati all’età dei loro figli); controllare i contenuti e proteggere i dati (navigare sui siti preferiti dai figli per meglio approfondire gli argomenti trattati e per accertarsi che siano appropriati. I bambini devono essere educati a non diffondere in Rete dati come indirizzi o numeri di telefono); mantenere il dialogo (i genitori devono stare in allerta nel caso qualche sconosciuto voglia mettersi in contatto con i propri figli attraverso Internet. Per tenersi informati sugli inconvenienti che possono capitare a tale proposito, è molto utile condividere le esperienze tra genitori sull’utilizzo di Internet da parte dei figli);identificare siti Web non sicuri (verificare la sicurezza delle pagine Web visitate con l’aiuto di programmi che permettono di valutarne la reputazione, come ad esempio TrendProtect, in modo tale da bloccare l’accesso a siti Web infetti che distribuiscono malware); utilizzare filtri URL (le soluzioni di sicurezza come Trend Micro Internet Security 2009 comprendono filtri URL che evitano l’accesso a siti Web con contenuti inappropriati); aggiornare il software di sicurezza (tenere sempre aggiornato il proprio software di sicurezza per mantenere il proprio PC immune da virus, spam, spyware e altri tipi di malware).

Leggi: I social network firmano accordo con la Ue contro il cyber-bullismo

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore