PRODOTTI

Samsung Galaxy Note 10.1

Samsung Galaxy Note 10.1 GT-N8000

TEST e SLIDESHOW Con il pennino, la connettività Hspa+ e la possibilità di affiancare le finestre in un’unica vista, Samsung Galaxy Note 10.1 svela i propri punti di forza che sono la ricca dotazione software e la versatilità per ogni utilizzo

E’ disponibile anche sul mercato italiano Samsung Galaxy Note 10.1 (il nome del modello è GT-N8000). Si tratta di un tablet che funziona con il sistema operativo Android 4.0.4 (Ice Cream Sandwich) e che offre la doppia possibilità di interazione con il display capacitivo da 10,1 pollici (WXGA Lcd con risoluzione 1.280×800 pixel) tramite pennino S Pen, oppure semplicemente con le dita.

Samsung Galaxy Note 10.1 è mosso da un processore Exinos 4412 Quad-core a 1,4 GHz di frequenza (produzione Samsung su architettura Arm), funziona con 2 Gbyte di Ram  e offre 16 Gbyte di memoria espandibili tramite schedine microSd (qui le specifiche complete come riportate da Samsung).

Dotato di tutto quello che serve in un tablet di fascia medio alta  (Agps compreso) Samsung Galaxy Note 10.1  è equipaggiato con una fotocamera posteriore da 5 Megapixel e una videocamera anteriore da 1,9 Megapixel. Il device è completo considerando anche il supporto per 3G e Hspa, è possibile quindi utilizzarlo anche per le telefonate e per tutti gli utilizzi possibili con la Sim standard. Sono supportati Bluetooth 4.0 e WiFi n.

E’ sul bordo superiore che spiccano tutte le interfacce e i comandi: da sinistra il tasto di accensione, il controllo volume, lo sportellino per la schedina di memoria microSD, l’interfaccia a infrarossi per l’utilizzo del tablet anche come telecomando, la presa per le cuffie e il comparto per la Sim (normale). Tutto incastonato in uno chassis plastico, profilato in colore metallizzato dove trova posto anche il pennino. I materiali, pur affidabili, e le finiture non sono particolarmente eleganti. E’ un aspetto sul quale ci aspettiamo passi in avanti dal gigante coreano. E un tratto comune anche ad altri prodotti. Le plastiche risultano robuste all’uso, ma le linee non complesso non sono sempre all’altezza al confronto con quelle di altri vendor. Ci è capitato di osservarlo anche in occasione del lancio di Windows Phone 8, a proposito dello smartphone Samsung Ativ confrontato con i modelli Nokia e Htc.

Samsung Galaxy Note 10.1

Samsung Galaxy Note 10.1

Samsung Galaxy Note 10.1 si mostra però leggero quanto basta per non affaticare l’utilizzo (600 grammi), decisamente sottile (0,9 cm) ed è disponibile a un prezzo equilibrato di 599 euro. Si può acquistare in Italia in due versioni: bianco perla e grigio.

E veniamo ad alcune note: per quanto riguarda la batteria con capacità da 7.000 mAh nelle nostre prove ha consentito di utilizzare saltuariamente il device nell’arco delle 24 ore, mantenendolo in stand by nei momenti di non utilizzo (anche per tutta la notte, senza ricarica). Segnaliamo che la ricarica della batteria è però particolarmente lenta e può richiedere anche 5/6 ore.

L’interfaccia proposta da Samsung Galaxy Note 10.1 per la ricarica, il collegamento con il computer, e la connessione Hdmi è unica, ma di tipo proprietario, l’utente in questo ultimo caso deve quindi mettere in conto l’acquisto dei relativi cavi, così come se smarrisce quello compreso nella scatola, non potendo utilizzarne uno standard microUsb come accade per tutti i prodotti Apple iOs. Nella confezione infatti si trovano le cuffie con microfono e gommini di ricambio per le orecchie, la pinza per cambiare le punte al pennino e le punte di riserva, il cavo per il collegamento con il computer e con l’alimentatore Ac e una prima guida all’uso.

Non sono presenti custodie o panni per la pulizia del display che notiamo con piacere però che trattiene poco le ditate, pur essendo a finitura lucida.

 

Samsung Galaxy Note 10.1, dotazione software e punti di forza

I veri punti di forza di Samsung Galaxy Note 10.1 stanno nella dotazione software, nella scelta degli applicativi, dei servizi e in alcune soluzioni davvero comode. Se infatti la complessità di Android è generalmente maggiore rispetto all’assoluta semplicità di iOs, è vero pure che alcune soluzioni esperite su Samsung Galaxy Note 10.1 meritano un plauso positivo e alzano l’asticella dell’usabilità.

Per esempio il sistema Multiscreen. Grazie ad esso, su Samsung Galaxy Note 10.1 (ma anche sul Galaxy Note 2, solo per fare un esempio) è possibile affiancare le finestre di due applicazioni e utilizzarle in una sorta di multitasking. Per esempio, è facilissimo catturare un’immagine da un’applicazione, elaborarla al volo, magari con un ritaglio, e trascinarla direttamente nell’altra applicazione. Pensate per esempio a quando dovete catturare un’immagine dal browser per inserirla in un documento. Tutto più facile. Così come è comodo tenere sott’occhio la posta elettronica mentre si fa altro.

Altri benefici evidenti arrivano dall’utilizzo di applicazioni come S-Note, che con il pennino trasforma il tablet in un comodo taccuino da disegno e scrittura, ma offre anche sistemi di correzione delle linee immediati per confermare un tratto indeciso e trasformarlo in una linea perfettamente diritta (Shape Match). In generale si può dire tranquillamente che il punto di forza di Samsung Galaxy Note 10.1 e del software a bordo è l’ecletticità sostenuta da una dotazione hardware all’altezza: buona la capacità di catturare il segnale delle antenne di rete (collocate nella parte argentata sul dorso), ottima la reattività e la fluidità del display, bene i 2 Gbyte di Ram e il processore quad-core; molto ricca però anche la dotazione software, con le app sia per riprodurre i contenuti multimediali, sia per condividerli e lo store Samsung con i suoi Hub Video, Game e Musica che affianca Play Store di Google.

Chi si registra per la prima volta su Dropbox precaricato guadagna 50 Gbyte di spazio in cloud. Tra l’altro la messa in funzione di Samsung Galaxy Note 10.1 è perfettamente guidata in ogni procedura, l’utente è condotto passo a passo a scoprire tutte le funzionalità e le possibilità del tablet, a seconda dell’applicazione attivata o dell’impostazione esplorata. Così impara anche ad apprezzare una taskbar a scomparsa dove tenere in primo piano alcune app, indipendentemente dalla disposizione delle stesse sulle finestre disponibili, oppure a sfruttare l’inclinazione del tablet tenendo due dita sul display per ingrandire e rimpicciolire le immagini.  Samsung per esempio guida l’utente anche alla scoperta di funzioni ‘nascoste’ come la possibilità di cambiare la tastiera o di spostarne la collocazione sul display attraverso le gesture. Così come ha integrato comodi wizard quando si tratta di scoprire nuove funzioni, per esempio proprio Multiscreen.

La possibilità di utilizzare con la Sim il tablet anche come telefono lasciano definire Samsung Galaxy Note 10.1 come un valido strumento di lavoro e di divertimento a 360 gradi. Il giudizio nel complesso è quindi positivo, fatte salve le riserve relative all’autonomia della batteria e alla ricarica.

Samsung Galaxy Note 10.1

Picture 1 of 15

 

 

 

Mario De Ascentiis
Autore: Mario De Ascentiis
Editor
Mario De Ascentiis Mario De Ascentiis Mario De Ascentiis Mario De Ascentiis

I contenuti di Itespresso.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

Commenti




0 Commenti su Samsung Galaxy Note 10.1 GT-N8000

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>