Samsung: in vendita i Galaxy Note 7 ricondizionati

MobilitySmartphone
Samsung rimetterà in vendita i Galaxy Note 7

I Galaxy Note 7 che invece non potranno essere ricondizionati, verranno riciclati anche in parti singole, ancora riutilizzabili, per ridurre al minimo l’impatto ambientale

La saga del Galaxy Note 7 sembra giunta a conclusione, con il ritiro definitivo dei dispositivi. Invece, alla vigilia del lancio di Galaxy S8 e S8+, con cui l’azienda sud-coreana cerca il riscatto dal flop dello scorso settembre (che le è costato 6 miliardi di dollari, in tutto), Samsung torna a stupirci: rimetterà in vendita i Galaxy Note 7 refurbished.

Samsung rimetterà in vendita i Galaxy Note 7
Samsung rimetterà in vendita i Galaxy Note 7

Galaxy Note 7 tornerà in vendita, sotto forma di smartphone ricondizionati o a noleggio, a seconda delle regole e delle scelte degli operatori. Ogni mercato deciderà, insomma, per conto suo.

I Galaxy Note 7 che invece non potranno essere ricondizionati, verranno riciclati anche in parti singole, ancora riutilizzabili: Samsung, per chiudere le polemiche con Greenpeace a MWC 2017, ma soprattutto per intraprendere una strada eco-friendly, scommette sull’eco-sostenibilità ambientale ed estrarrà i metalli come rame, nickel, oro ed argento. Il richiamo del Note 7 fu causato dalle batterie “esplosive”, a rischio incendio.

Dopo aver venduto 300 milioni di smartphone l’anno scorso – circa uno su cinque -, il vendor sud-coreano si appresta a togliere i veli al dispositivo mobile con cui scommette per la riscossa, il Galaxy S8. Il device è cruciale per salvare la reputazione di Samsung nel mercato smartphone, ma soprattutto ha l’onore e l’onere di tener testa al prossimo iPhone, quello del decennale (Apple lo svelerà a settembre), e a Huawei e Oppo, le tigri cinesi che guadagnano terreno nel mercato smartphone.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore