AcquisizioniAziendeMarketing

Samsung nega di corteggiare Rim: né ora né mai

Samsung nega di voler acquisire Rim
0 0 Nessun commento

Nessun interessamento nei confronti di Rim: né ora né mai. Parola di Samsung. Rim prepara un Playbook da 10 pollici?

Ieri sera un classico rumor di borsa prendeva il volo, diventando la prima notizia delle pagine tecnbologiche di Reuters e scalando Bloomberg: la speculazione riguardava l’eventuale interessamento di Samsung nei confronti di Rim. Ma il portavoce di Samsung, James Chung, ha detto a Reuters che la sua azienda non ha mai “considerato la possibilità di acquisire” RIM e che non è affatto  “interessato” a comprare il vendor del BlackBerry. Neanche c’è mai stato un tentativo di approccio, neppure in forma preliminare.

Samsung dunque nega quanto riportava il blog Boy Genius Report. Ma RIM sta prendendo in esame la cessione, valutata fra 12 – 15 miliardi di dollari? Non si sa. Sappiamo che in passato Amazon avrebbe voluto acquisire RIM, ma non se ne fece nulla. Nelle scorse settimane si è parlato di un interessamento di Microsoft e Nokia nei confronti i Rim. Qualcosa potrebbe prima o poi succedere, visto che RIM, secondo Reuters, avrebbe dato mandato a Goldman Sachs di esplorare la situazione e trovare possibili acquirenti.

Il titolo di Rim ha perso il  75% l’anno scorso, a causa del ritardo nell’aggiornare la gamma Blackberry e del flop del Blackberry Playbook, il tablet da 7 pollici. TechWeek Europe riporta che RIM potrebbe realizzare un Playbook da 10 pollici.

Secondo gli ultimi dati di Nielsen, Android OS negli ultimi tre mesi detiene il 46.3% del mercato smartphone, superando Apple iOS (in grande spolvero) al 30%. RIM occupa il terzo posto con il 14.9%, seguito da WindowsPhone/Mobile al 4.6%.

Samsung nega di voler acquisire Rim
Samsung nega di voler acquisire Rim
Resta connesso, iscriviti alle nostre newsletter gratuite!

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici