ComponentiWorkspace

Samsung produce memorie da 4GB con interfaccia HBM2

Samsung produce memorie da 4GB con interfaccia HBM2
1 6 Nessun commento

La memoria HBM2 di Samsung ha un futuro nell’high performance computing (HPC), nell’hardware a grafica avanzata e negli apparecchi di rete come gli switch

Samsung ha iniziato la produzione di massa dei componenti di memoria da 4GB, usando l’interfaccia di seconda generazione High Bandwidth Memory (HBM2), in grado di offrire sette volte le performance degli attuali chip DRAM per applicazioni come il computing parallelo e la grafica.

Samsung produce memorie da 4GB con interfaccia HBM2
Samsung produce memorie da 4GB con interfaccia HBM2

Samsung dice di aver introdotto per prima la nuova memoria 4GB HBM2, per migliorare le prestazioni di memoria in confronto alle tecnologie di memoria come DDR4 o GDDR5,che si trovono nei PC e melle graphics accelerator cards, rispettivamente.

HBM intende offrire banda più alta in un form factor più piccolo rispetto alle memory standard esstenti. Otto separati pezzi di silicio giacciono l’uno sull’altro dentro un pacchetto chip, con una connessione verso l’host processor via interfaccia a 1024-bit divisi in otto canali independenti.

Samsung promette che le memorie a 4GB HBM2 forniscono fino a 256GBps si banda, il doppio dell’HBM1 DRAM di prima generazione e fino a sette volte rispetto alla banda a 36GBps del tipico chip GDDR5 DRAM.

La memoria HBM2 ha un futuro nell’high performance computing (HPC), nell’hardware a grafica avanzata e negli apparecchi di rete come gli switch.
A fine anno, seguirà la produzione degli 8GB HBM2 DRAM.

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici