Samsung sospende la produzione del Note 7

MobilitySmartphone
Cinque consigli per Samsung: come rimediare al flop del Note 7 esplosivo
1 0 Non ci sono commenti

Si tratterebbe di una sospensione temporanea, presa da Samsung in cooperazione con le autorità cinesi e statunitensi, in seguito ai 3 nuovi casi di Galaxy Note 7 sostituiti che hanno preso fuoco

L’ultima trimestrale dell’azienda sud-coreana non è stata ancora intaccata dalla scottante vicenda, ma il primo piano di richiamo sarebbe già andato in fumo. La crisi dei Galaxy Note 7 diventa più profonda, secondo Reuters. Salgono a tre i casi dei modelli sostitutivi del phablet di Samsung che hanno preso fuoco: si profila l’ipotesi di una seconda campagna di richiamo, seppure inusuale. Secondo Yonhap, Samsung avrebbe sospeso la produzione del dispositivo a rischio esplosione. Si tratta di una decisione temporanea, presa in cooperazione con le autorità cinesi e statunitensi.

Due operatori americani, AT&T e T-Mobile, il secondo e il terzo gestore, rispettivamente, nel mercato della telefonia mobile degli USA, hanno cessato di rimpiazzare o vendere i Note 7. Anche l’australiana Telstra ha messo i dispositivi in stand by.

Samsung sospende la produzione del Note 7
Samsung sospende la produzione del Note 7

Un modello sostituito ha preso fuoco in un aereo della Southwest Airlines, in attesa del decollo dall’aeroporto di Louisville, in Kentucky. Altri due casi si sono verificati in Minnesota e in Kentucky.

Infine, l’azienda sud-coreana è stata accusata di aver cercato di insabbiare gli ultimi casi, anche se poi si è affrettata a dichiarare: “La sicurezza dei nostri clienti rimane la nostra priorità principale mentre investighiamo il problema“.

Si fa sempre più insistente l’ipotesi di un ritiro totale del prodotto dal mercato. La sospensione della produzione, se confermata, servirà a trovare una soluzione definitiva.

Tutte le compagnie aeree hanno spiegato che in aereo è vietato accendere o ricaricare i Galaxy Note 7: un messaggio che potrebbe logorare il brand di Samsung. Il numero uno del mercato smartphone è accusato di aver immesso sul mercato un prodotto immaturo, solo per anticipare iPhone 7 e Google Pixel. Ma ora i concorrenti potrebbero trarre vantaggio dagli errori compiuti da Samsung.
Diversi analisti hanno ridotto del 38% le stime di vendite del Note 7: invece di 13 milioni, l’azienda sud-coreana potrebbe venderne 8 milioni, dopo i 2,5 milioni già consegnati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore