Samsung SSD 950 PRO M.2 è proprio un’altra storia

ComponentiDataStorageWorkspace
0 1 Non ci sono commenti

IN PROVA – Abbiamo messo sotto torchio il nuovo disco Samsung SSD 950 PRO M.2 con tecnologia NVMe, grazie alla disponibilità di MSI che ci ha supportato con la sua competenza e offrendo per il montaggio la scheda MSI Z170A Gaming M5. La soddisfazione di ‘assaggiare’ lo storage del futuro e i risultati dei test

Circa un mese fa, a Seoul, Samsung ha presentato il suo nuovo SSD 950 PRO M.2. In poche parole, si tratta del primo disco allo stato solido con questo form factor (M.2) a sfruttare il protocollo NVMe, la specifica di accesso ai dischi SSD in grado di abbattere tempi di latenza e proiettare l’esperienza ben oltre i limiti dello standard SATA, che era nato per i dischi meccanici, mentre è stato ‘sfruttato’ e ‘adattato’ fino ad oggi anche per gli SSD.

samsung 950 pro SSD
Samsung 950 pro SSD

La proposta Samsung 950 PRO SSD ora sposa le esigenze dei pc, come delle workstation proprio grazie al form factor M.2 e al supporto PCI e 3.0; M.2 è form factor disponibile anche per gli ultraslim. La specifica NVMe (con quattro linee PCIe 3.0) però al momento no, è dedicata a pc e workstation, facilita inoltre il risparmio della batteria, proprio per l’ottimizzazione delle risorse e dei transfert nei dati. Il target della proposta sono i professionisti che ne trarranno benefici notevoli per tutte le operazioni di progettazione e rendering, per esempio, ma dopo le nostre prove ci siamo convinti che anche chi gioca, come chi semplicemente trasferisce grandi quantità di dati ed elabora progetti multimediali pesanti con una grande frequenza è già di per sé utente ideale.

Samsung 950 Pro M.2
Samsung 950 PRO SSD M.2

Abbiamo testato sul campo Samsung 950 PRO SSD M.2 (2280), nel taglio  da 256 Gbyte (costa circa 200 dollari). Noi lo abbiamo testato grazie alla disponibilità di MSI che ci ha messo a disposizione la scheda madre MSI Z170A Gaming M5, e un banco di prova Dimastech Easy V3 con Intel Core i7 6700K, due moduli da 4 Gbyte di Ram Kingston HyperX DDR4 3000 C15, Psu CoolerMaster V1200, il dissipatore CoolerMaster Nepton 280XL.

In redazione con MSI abbiamo installato Windows 10 Pro e i benchmark necessari CrystalDisk Mark e Atto Disk Benchmark, ripetuti prima e dopo l’aggiornamento del firmware della scheda, per apprezzare la quale rimandiamo direttamente al sito del produttore, per una full immersion di entusiasmo. Samsung raccomanda che le procedure di testing siano eseguite con Magician 4.8 e il driver 950 PRO, considerato che NVMe è comunque una tecnologia appena nata. Con la versione 4.8 non si registrano problemi di sorta. Allo stesso modo è sempre raccomandato anche l’utilizzo del chipset Intel Z170 skylake.

Prima dei risultati ripercorriamo alcuni dei dati di targa di Samsung SSD 950 PRO M.2 riportati dal vendor che ha eseguito i test su entrambi i tagli di disco da 256 e 512 Gbyte. Segnaliamo quindi di nuovo il supporto sicurezza per l’Encryption AES-256-bit.

Qui sarà utile segnalare come il taglio da 512 Gbyte offra performance sensibilmente migliori nella lettura e scrittura sequenziale e nei test 4KB Random Read (QD32 Thread4), mentre i risultati siano equivalenti nei due tagli in QD1 Thread1 (11k IOPS contro 12K IOPS del taglio migliore). Riportando anche i risultati dei nostri test, per comodità del lettore, direttamente nel nostro slideshow, iniziamo a segnalare alcuni dati interessanti. Innanzitutto la temperatura è rimasta ampiamente nei limiti segnalati, e quindi non registriamo problematiche relativamente a questo parametro. Certo il disco scalda, ma anche un neofita si rende conto che la temperatura è comunque controllata, problema inesistente.

Crystal Disk Benchmark effettuati da Samsung con il taglio da 512 Gbyte
Crystal Disk Benchmark effettuati da Samsung con il taglio da 512 Gbyte

Il secondo rilievo riguarda la coerenza con i risultati ottenuti e pubblicati da Samsung. Sono numeri che acquistano senso nel confronto con un pregresso (che in sincerità non abbiamo nei nostri database) ma che, esperienza diretta delle competenze MSI, che ci hanno aiutato nella prova, documentano l’effettivo cambio di passo nelle lavorazioni di data analysis, nelle modellazioni grafiche e nelle simulazioni, di un sistema storage già pronto per le esigenze dei prossimi anni.

Di Samsung riportiamo qui di seguito i test Iometer (che non abbiamo eseguito), mentre nel nostro slideshow i nostri risultati ottenuti sul campo. Sono numeri, quelli di Crystal Disk Mark che si commentano da soli, incommensurabili in un confronto con i dischi di tecnologie precedenti. Anche di 4 cinque volte superiori.

Iometer Random Read con Samsung SSD 950 PRO
Iometer Random Read con Samsung SSD 950 PRO

Iometere Random Write

Test Samsung SSD 950 PRO M.2

Image 1 of 11

MSI banco di prova con MSI Z170A Gaming M5
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore