SanDisk, memorie veramente “flash”

CloudServer

San Disk annuncia una tecnologia che velocizza di cento volte l’uso di memorie SSD

SanDisk ha annunciato di aver superato uno dei maggiori ostacoli all’utilizzo delle memorie allo stato solido: il collo di bottiglia che rallentava le operazioni di scrittura dei dati sulle memorie flash.

Secondo l’azienda, infatti, la sua nuova tecnologia chiamata ExtremeFFS, in pratica un nuovo tipo di file system per le memorie flash, aumenta di ben cento volte la velocità di trasferimento di dati. Il nuovo sistema utilizza una specie di metodo a “pagina”: ovvero non collega la collocazione “logica” dei dati alla loro posizione “fisica”, ma riscrive e modifica la posizione dei dati basandosi solo su un criterio di maggiore efficienza.

Ne risulta, secondo San Disk, una velocità di trasferimento dei dati comparabile con quella degli hard disk tradizionali. Che perdono uno degli ultimi primati sulle memorie SSD.

Fonte: The Inquirer.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore