Sandisk: roadmap 2009 e ristrutturazione in vista

Aziende

Nonostante l’accordo con Toshiba, l’azienda vuole correre ai ripari. Il Ceo di Sandisk parla di Samsung, tagli e nuovi prodotti in cantiere

Sandisk non trova pace, dopo le perdite per 155 milioni di dollari del terzo trimestre 2008, contro gli utili per 85 milioni dello stesso periodo di un anno fa, a causa del declino dei prezzi delle memorie Flash. Ieri ha annunciato l’accordo con Toshiba sulle joint venture fondate insieme, ma ora guarda avanti. Rispunta Samsung: l’azienda è aperta a transazioni, ma al giusto prezzo (non sottovalutata).

Per far fronte all’attuale situazione di incertezza dei mercati, Sandisk potrebbe anche ristrutturare.

Infine, ecco la roadmap 2009 di Sandisk: entro fine anno, due terzi della produzione sarà prodotta a 43-nanometr i, con il passaggio a 32nm pianificato per la seconda metà del 2009. La vendita dei chip con tecnologia X4 è attesa nella prima metà del 2009.

Nel primo trimestre dell’anno nuovo, SanDisk venderà chip NAND flash a 32-gigabit e nel secondo trimestre, chip a 64G b. Ciò permetterà a SanDisk di vendere Secure Digital (SD) flash card con capacità da 64 Gbyte e superiore (contro i 32GB attuali).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore