SCO chiede il riconoscimento della proprietà intellettuale su Linux

Management

La software house SCO Group, cui appartengono i diritti legali dello sviluppo originale di Unix, ha assunto un famoso avvocato per scoprire se e in che misura gli utenti di Linux ledono i diritti di proprietà intellettuale della compagnia

Il sistema operativo Linux è di fatto un clone open source di Unix, scelto da alcune delle più grosse compagnie, come IBM, che ha investito 1 miliardo in questa tecnologia. SCO, che si chiamava inizialmente Caldera International Inc., ha affidato allavvocato David Boies lincarico di investigare se gli utenti Unix o Linux debbano acquistare una licenza SCO per luso del sistema operativo. Boies ha lavorato al Ministero della Giustizia sul processo antitrust contro Microsoft, oltre ad aver difeso il sito di file-sharing Napster contro lindustria discografica. SCO ha dichiarato, mercoledì scorso, di aver istituito una nuova divisione business, chiamata SCOsource, per la gestione delle licenze della proprietà intellettuale del suo Unix. SCO commercializza una versione proprietaria di Unix e fornisce una versione gratuita di Linux. Attraverso una serie di acquisizioni societarie nel corso dellultimo decennio, SCO ha ottenuto la proprietà del primo sviluppo di Unix realizzato originariamente da Bell Labs, negli anni 70. In una dichiarazione, Darl McBride, presidente e CEO di SCO, ha chiarito le intenzioni della compagnia. SCO detiene la proprietà intellettuale del cuore del sistema Unix e ha il pieno diritto di sottoporre a licenza questa tecnologia e imporre brevetti e copyright ha detto McBride. SCO riceve frequentemente richieste da parte di distributori di software e hardware e consumatori avere accesso a parti chiave della tecnologia Unix. Annunciando lassunzione di Boies, SCO ha dichiarato lintenzione di offrire la licenza SCO per librerie condivise da utilizzare con applicazioni Unix in modo da consentirne lutilizzo su Linux. In passato, i consumatori erano obbligati ad acquistare il sistema operativo SCO completo. Chris Sontag, vice presidente di SCOsource, in una dichiarazione ha detto Mentre Linux è un prodotto open-source, condivide la filosofia, larchitettura e le API con Unix. SCO vuole consentire agli utenti di combinare legalmente le tecnologie Linux e Unix per utilizzare migliaia di applicazioni Unix.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore