Sco in ribasso

Workspace

Un forte calo nelle vendite in Unix e ScoSource mina il fatturato dell’azienda

Sco attualmente è nota per l’impegno nella causa legale contro Ibm e contro gli sviluppatori e utenti di Gnu/Linux, piuttosto che per le novità strategiche o di prodotto: Sco infatti accusa Linux di violare brevetti e copyright, detenuti dall’azienda, sul sistema operativo Unix. Ne sta pagando le conseguenze: Sco ha infatti riportato un calo del 16,5% nel fatturato, a quota 9,4 milioni di dollari. Il brusco calo è causato da un crollo delle vendite, sia dei prodotti Unix che di SCOsource. SCOsource è un banner in cui Sco vende licenze offerte agli utenti di Linux per proteggerli da eventuali cause legali per violazione di diritto d’autore. Anche le vendite di OpenServer operating system sono calate nel trimestre, anche se ora sono in lieve rialzo. Il trimestre, conclusosi lo scorso 31 luglio, ha registrato una perdita di 2,4 milioni di dollari, rispetto ai 7,5 milioni di dollari in positivo dello stesso periodo di un anno fa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore