Scorporo e reti Ngn, AgCom dà l’ultimatum a Telecom

NetworkReti e infrastrutture

Il riassetto della rete fissa avverrà in tempi brevi: Telecom dovrà rispondere entro l’8 dicembre. L’autorità garante delle comunicazioni vuole la Super Internet per tutti con offerta all’ingrosso, come per l’Adsl

Nei giorni scorsi Agcom (Autorità garante delle comunicazioni) ha chiesto a Telecom di fare “sostanziali integrazioni” agli impegni che quest’ultima ha presentato, per assicurare l’apertura della rete fissa di accesso.

Il riassetto della rete fissa avverrà in tempi brevi: Telecom dovrà rispondere entro l’8 dicembre.

La nuova divisione di Telecom Open Access, nata per offrire un accesso più trasparente alla rete fissa, “viene ad essere strettamente connessa con le procedure e con le modalità di funzionamento degli stessi impegni, e pertanto ogni eventuale modifica di Open Access dovrà essere preventivamente sottoposta alla valutazione dell’Autorità“.

Telecom Italia dovrà aderire a due nuovi strumenti di governance, da istituire con il concorso di tutti gli operatori: “Da un lato, un organismo assimilabile all’Ota inglese, incaricato di risolvere le controversie in materia di servizi di accesso alla rete; dall’altro, un comitato Ngn[New generation network, rete di nuova generazione] presieduto dall’Autorità e con la partecipazione di tutti gli operatori, che proporrà all’Autorità soluzioni concrete alle problematiche tecniche ed organizzative del passaggio alle reti di nuova generazione“.

E qui si viene al nodo delle Reti Ngn: AgCom ha stabilito che ci sarà un’offerta all’ingrosso (così come avviene ora con l’Adsl), anche per la fibra: i concorrenti accederanno alla nuova rete di super banda larga (oltre i 20 Mbit), in base a un listino con prezzi non liberi, bensì regolamentati dall’Autorità.

Corrado Calabrò aveva spiegato al settimo Forum sulle telecomunicazion i: “L’Italia e’ in ritardo non solo in termini di diffusione ma anche di qualita’ delle connessioni broad band. Da noi, infatti, come rileva una recente analisi internazionale, solo il 27% degli utenti dichiara di avere connessioni con capacita’ di banda superiori ai 4 mbps“.

A giugno Fastweb aveva promesso che entro il 2008 offrirà il collegamento a 100 Megabit al secondo a famiglie e imprese raggiunte dalla sua fibra ottica.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore