Se il Vhs ha l’Alzheimer

AccessoriWorkspace

C’è un fungo che aggredisce le cassette audio e video. La soluzione? Passare al digitale

Anche il Dvd non è eterno, ma per ora non è aggredibile da muffe. Il problema della memoria digitale è uno grandi temi dell’It del prossimo decennio. Tuttavia nel Regno Unito c’è allarme muffa: un fungo aggredisce i Vhs e uccide i recordi. La British Library Sound Archive consiglia di mantenere il materiale in nastro magnetico al buio. Ad aggredire i ricordi, sono prima di tutto: luce, umidità e sbalzi di temperatura. Poi il microorganismo che attacca e deteriora le cassette Vhs, è velocissimo: a rischio sono soprattutto i materiali prodotti negli anni ’80 e ’90. La soluzione? Passare al digitale: riversare le videocassette su Dvd. Ricordandosi che anche Cd e Dvd hanno data di scadenza, e soprattutto, come tutto il mondo digitale e tecnologico, soffrono di obsolescenza: i lettor tra 20 anni che leggeranno i Dvd, saranno rarissimi. Solo i papiri egiziani, al buoi e nel clima secco Sahariano, sono riusciti a durare millenni. Per la tecnologia, c’è ancora molto da imparare per tramandare i ricordi ai posteri.

Leggi anche dal Blog Scacco al Web: Il vaso di Pandora

Manifesto per la salvaguardia della memoria

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore