Second Life: una vita parallela su Internet

AccessoriWorkspace

Sono già più di due milioni gli utenti registrati nel “mondo” creato dalla società Linden Lab nel quale sono sbarcati grandi produttori It, come Ibm, e la prima ambasciata virtuale svedese

Una seconda vita su Internet. Questa è l’ultima iniziativa della rete che cade sotto il nome di Second Life e ha aperto i battenti a più di due milioni di iscritti. Iscritti che vivono, che sognano, che fanno affari, insomma un mondo parallelo a quello reale, un grande incubatore di sogni, stili e…futuro. Per entrare a far parte del mondo di Second Life si deve scaricare il software dal sito ufficiale, si diventa membri, si adotta un avatar (cioè i singoli membri riflessi nel mondo virtuale), lo si battezza con un nome d’arte e da lì il gioco è fatto, tutti possono diventare protagonisti di questo mondo parallelo. Difficile definire Second Life un gioco, considerando che illustri società e addirittura un’ambasciata, quella di Svezia, hanno aperto una filiale o una sede virtuale. Il mondo alternativo di Linden Lab è stato abbracciato anche da produttori It, come Ibm che, dopo lo sbarco di Dell che ha aperto un negozio fatto di pixel per prenotare computer veri, ha deciso di annunciare su Second Life un investimento da 100 milioni di dollari in una serie di idee emerse da un brainstorming online. Ma non solo. American Apparel, marchio d’abbigliamento casual americano, ha aperto una boutique dove si possono comprare capi firmati virtuali, uno scrittore, Kurt Vonnegut ha organizzato una lettura pubblica del suo ultimo romanzo e ancora, la società olandese Philips ha avviato uno studio di design. E di arte si continua a parlare su Second Life perchè da oggi fino al prossimo 26 aprile 2007 sarà attiva la prima esposizione collettiva di illustratori e fumettisti italiani. Si intitola “Se vi pare che questo mondo sia brutto”, la mostra che Mariabruna Fabrizi e Fosco Lucarelli, direttori e curatori della GridGallery , organizzano con Idearium ( www.idearium.org ). Questa prima esposizione di opere reali che si trovano in un mondo virtuale raccoglie i lavori di 21 giovani graphic artist italiani.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore