Secondo un recente studio di IDC, IBM è prima nel mercato italiano e mondiale dei server

Workspace

Nel secondo trimestre del 2003, la compagnia ha conquistato il 46,8% del mercato mondiale.

Secondo IDC, nel secondo trimestre del 2003 la IBM in Italia ha riconfermato la propria leadership nel mercato dei server, guadagnando 4,4 punti rispetto allo stesso periodo dell’anno e conquistando il 46,8 per cento del mercato. Tutti i concorrenti hanno perso quote di mercato: al secondo posto HP, con una quota di mercato del 24,7 per cento, che ha perso 5,2 punti e il 25,6 per cento di fatturato. Terza nella classifica italiana Sun, che ha perso il 10,8 per cento del fatturato, con una quota dell’11,9 per cento. In particolare, in questo secondo trimestre del 2003, in Italia la IBM è risultata l’unico fornitore a guadagnare quote di mercato nel mercato dei server Intel conquistando 9,3 punti e raggiungendo il 33,8 per cento del mercato mentre HP ha perso 2 punti. Nel mercato dei server UNIX, la IBM è stato l’unico fornitore a crescere in termini di fatturato mentre il fatturato di HP è diminuito del 45,4 per cento e quello di Sun è diminuito dell’11,2 per cento. In termini di quote di mercato IBM ha guadagnato 5,8 punti di market share e HP ha perso 13,6 punti. Sempre secondo IDC, nel secondo trimestre 2003 IBM è risultata essere il vendor numero uno mondiale nel mercato dei server, con una quota del 30,4 per cento, guadagnando 2,7 punti di quota anno su anno. In particolare, per quanto riguarda il mercato dei server UNIX, IBM ha guadagnato 5,2 punti mentre il fatturato è cresciuto del 20,4 per cento. Nel mercato Intel, IBM ha guadagnato 2,1 punti di quota di mercato registrando una crescita del 23,7 in termini di fatturato, più di Dell e HP. Infine, per quanto riguarda i server Linux, la quota di mercato è aumentata di quasi 1,6 punti anno su anno, mentre HP e Dell hanno entrambe perso quote di mercato. Il fatturato relativo a Linux è aumentato del 51,8 per cento in un anno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore