Sempre più Ibm

CloudServer

Con una media di 240 su 500 sistemi la società avanza nella conquista del
settore dei supercomputer

Secondo l’elenco dei TOP500 Supercomputer Sites appena pubblicato, Ibm vanta 240 sistemi su 500 tra i più potenti computer del mondo e più della metà della potenza totale di elaborazione. Il Blue Gene/L di Ibm presso il Lawrence Livermore National Laboratory è in testa all’elenco con una prestazione senza precedenti pari a 280,6 Teraflop, o milioni di miliardi di operazioni in virgola mobile al secondo. I sistemi ai primi tre posti dell’elenco TOP500 sono Blue Gene/L, Ibm Blue Gene Watson da 91,29 Teraflop e il supercomputer ASC Purple recentemente annunciato presso il Lawrence Livermore National Laboratory con 75,76 Teraflop. I sistemi Ibm BladeCenter si sono diffusi a ritmi sostenuti passando da 71 a 132 nella classifica dei supercomputer dall’anno scorso ad oggi e ora superano i 470 Teraflops. Ibm deteneva più di 1,5 Petaflop della prestazione aggregata dell’elenco, pari a 2,791 Petaflop, una velocità di trasmissione totale tre volte superiore a quella della rivale più vicina HP. Sono quattro i sistemi Ibm nell’elenco dei primi dieci supercomputer della classifica e 46 tra i top 100.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore