Senza Telecom, Fibra per l’Italia si ferma a un terzo dell’investimento

MarketingNetworkProvider e servizi Internet

Come consorzio, saenza Telecom Italia, l’investimento si arresterebbe a non più di un terzo di 2,5 miliardi in 5 anni per coprire 15 città

Fastweb, Vodafone e Wind hanno scoperto le carte: senza Telecom, Fibra per l’Italia si ferma a un terzo dell’investimento. Come consorzio, l’investimento si arresterebbe a non più di un terzo di 2,5 miliardi in 5 anni per coprire 15 città.

La realizzazione di una rete telefonica “fiber to the home” potrebbe procedere anche senza Telecom, ma a scartamento ridotto. L’AD Fastweb, Carsten Schloter, ha ammesso che perrealizzare l’operazione ipotizzata da Wind, Vodafone e Fastweb è essenziale la migrazione alla nuova rete di tutti i clienti,  compresi anche il parco clienti di Telecom Italia.

“Se governo e autorità saranno favorevoli andremo avanti anche da soli”, ha detto Schloter sull’ipotesi che manchi la partecipazione di Telecom e della Cassa. “Perchè il piano sia realizzabile sarà pero fondamentale la migrazione dei clienti sulla nuova rete”. L’ipotesi di più reti viene scartata: “Non sarebbe finanziabile, sarebbe un disastro per tutti gli operatori coinvolti“.

A questo punto la parola passa all’AgCom e al tavolo del viceministro Paolo Romani convocato per settimana prossima.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore