Server Power 5 ottimizzato per Linux

Aziende

Ibm rilascia eServer OpenPower 720, il primo server Power 5 specificatamente sviluppato per il sistema operativo open source

L’impegno di Ibm nei confronti dell’ambiente Linux continua a grandi passi e l’azienda ha annunciato il rilascio del primo server Power 5 ottimizzato per Linux: eServer OpenPower 720. “Linux si sta sempre più affermando come piattaforma ideale per supportare applicazioni mission-critical e oggi i clienti hanno a disposizione nuove opzioni tecnologiche per scegliere le soluzioni best-of-breed per ogni tipo di esigenza. Clienti, sviluppatori Linux, Isv e business partner decisi a investire su Linux avranno a disposizione un server estremamente competitivo e dotato del potente processore Power 5 con un mix di costi contenuti e livelli elevati di prestazioni e affidabilità che non trova paragoni nell’intero settore”, ha dichiarato Brian Connors, Vice President, Linux on Power di Ibm. I sistemi OpenPower potranno godere dell’opzione di virtualizzazione avanzata, prevista entro l’ultimo trimestre del 2004, che consente di ottimizzare al meglio l’hardware consentendo il micropartizionamento. Il primo sistema Ibm eServer OpenPower disponibile sarà il modello OpenPower 720 con microprocessori Power 5 da 1,5GHz o 1,65GHz in configurazione rack massima a 4 vie o un’opzione tower con 64GB di memoria massima; opzione di virtualizzazione avanzata e supporto di Sles 9 di Novell Suse Linux e Rhel AS 3 di Red Hat. Nella prima metà del 2005 Ibm rilascerà un sistema OpenPower a 2 vie.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore