Settimana cruciale per Swisscom-Fastweb e Telecom Italia

Aziende

Il risiko Tlc italiano attende notizie: Swisscom detiene già l’1,7% di
Fastweb. Intanto scoppia la polemica all’interno del cda di Telecom Italia

Tutti vogliono sapere se andrà in porto l’Opa amichevole di Swisscom su Fastweb: gli osservatori dicono che questa è la settimana cruciale per conoscere i destini di Swisscom-Fastwe b, ma anche di Telecom Italia. Swisscom ha depositato in Consob il documento dell’opa a 47 euro per azione su Fastweb: in caso di approvazione, il periodo per la presentazione dell ‘opa partirà nella prima metà di aprile e terminerà verso metà maggio. Un eventuale dividendo verrà deliberato nell’assemblea del 22 e 23 marzo e sarà in caso versato solo dopo la conclusione dell’opa. Swisscom possiede già l’1,74% del capitale azionario di Fastweb. Gli occhi di Piazza Affari scrutano la palla di cristallo anche per sapere se arriveranno in extremis rilanci o controfferte: sembran o tramontare le ipotesi di un rilancio di Vodafone, Sky o di Mediaset (interessata invece a Endemol; e nella telefonia, forse più a Telecom Italia). Gli occhi delle Borse sono anche puntati per conoscere il destino di Telecom Italia: nei giorni scorsi abbiamo scritto che Pirelli sta esplorando tutte le opzioni assicurando una parità di trattamento a tutti gli azionisti. Nelle ultime ore però finisce sui giornali la lite all’interno del cda di Telecom Italia, tra il consigliere indipendente Guido Ferrarini, che dice di parlare a nome degli altri indipendenti, e il presidente Guido Rossi. Il piano industriale 2007-2009 è stato approvato “con riserve”, e le accese polemiche nel Cda sono un’altra dimostrazione del clima rovente che Telecom sta vivendo. Infine sul versante Mediaset, sappiamo che ha firmato un accordo di riservatezza con la spagnola Telefonica “in merito al potenziale interesse per l’acquisto di Endemol”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore