Siae belga sconfitta: Filtri agli Isp bocciati dalla Corte di Giustizia UE

CyberwarMarketingSicurezza
La Corte di Gistizia europa stabilisce che è invalida la direttiva sulla conservazione dei dati

La Corte di Giustizia UE vieta ai fornitori di accesso alla Rete di adottare filtri per contrastare la pirateria online. La UE promuove la Net neutrality

Le varie SIAE europee non hanno un alleato nella UE, anzi. La SIAE belga (la Sabam) deve incassare una storica sconfitta: la Corte di Giustizia UE vieta ai fornitori di accesso alla Rete di adottare filtri per contrastare la pirateria online. La UE promuove la Net neutrality. I giudici europei non possono forzare gli Internet Service provider (Isp) ad introdurre alcun  filtro tecnologico per tutelare il diritto d’autore. Ricordiamo che blocco e filtri P2p sono già stati bocciati dalla UE, e lo scorso aprile Neelie Kroes prometteva più rigore contro queste tecnologie: “Alla fine del 2011, pubblicherò i risultati, compresi i casi di blocco o di strozzamento di alcuni tipi di traffico. Nel caso in cui non sia soddisfatta – ha commentato – non esitero’ a proporre provvedimenti più rigorosi, sotto forma di orientamenti o perfino di misure legislative generali per realizzare la concorrenza e la possibilita’ per i consumatori di scegliere cio’ che meritano. Nel caso in cui cio’ risultasse insufficiente, sono pronta a proibire il blocco di servizi o applicazioni leciti“.

A proposito della decisione della Corte di giustizia europea contro i filtri, scrive l’esperto di diritto Internet, Fulvio Sarzana di S. Ippolito: “Pertanto, la Corte dichiara che, emettendo un’ingiunzione che costringa la Scarlet a predisporre un siffatto sistema di filtraggio, il giudice nazionale non rispetterebbe l’obbligo di garantire un giusto equilibrio tra il diritto di proprietà intellettuale, da un lato, e la libertà di impresa, il diritto alla tutela dei dati personali e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni, dall’altro“. E prosegue: “La Corte risolve quindi la questione pregiudiziale dichiarando che il diritto dell’Unione vieta che sia rivolta ad un fornitore di accesso ad Internet un’ingiunzione di predisporre un sistema di filtraggio di tutte le comunicazioni elettroniche che transitano per i suoi servizi, applicabile indistintamente a tutta la sua clientela, a titolo preventivo, a sue spese esclusive e senza limiti nel tempo“.

Ma la sconfitta della Siae belga non è l’unico segnale di un risveglio europeo contro le nubi che si addensano all’orizzonte dei diritti digitali (i vari ACTA, SOPA negli Usa, delibera AgCom in Italia eccetera).

Nei giorni scorsi uno storico intervento di Neelie Kroes, presidente dell’Agenda Digitale UE e vice della commissione europea, ha sparato ad alzo zero contro l’attuale sistema del copyright, troppo costoso e inefficiente: una “magnifica ossessione”, anacronistica ed esosa, appoggiata dai grandi detentori del copyright come le multinazionali dei media, ma non più in grado di favorire  la creatività e di produrre ricavi per gli artisti. Neelie Kroes ha detto che è l’ora di cambiare strada: un altro colpo per le Siae e soprattutto, in ottica italiana, un duro colpo per la famigerata delibera AgCom, che a dicembre intende introdurre  un giro di vite in Rete (la censura online) travestito da protezione del diritto d’autore.

L’intervento di Neelie Kroes contro il copyright e la Sentenza della Corte Giustizia UE contro la Siae belga, mostrano un mutamento di posizioni o un cambiamento paradigmatico? Per ora registriamo i segnali positivi per chi difende i cyber rights: niente filtri agli Isp e niente censura online, sono le parole d’ordine dell’Unione europea e della Corte di Giustizia europea. Per tutelare il copyright e contrastare la pirateria, servono nuove strategie (meno bastone e più carota, ma soprattutto l’adozione di nuovi modelli di business, come il cloud computing), focalizzate più sugli artisti e sulle tecnologie propositive, che sui blocchi e le censure alla Rete. Forse, anche in Europa soffia il vento libertario della “primavera araba”.

sentenza contro Siae belga
Siae belga sconfitta dalla Corte giustizia UE
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore