Sicurezza 7/7: Backdoor Fbi in OpenBSD, Ciclone WikiLeaks, Attacchi Ddos

CyberwarMarketingSicurezza

Allarme Backdoor Fbi in OpenBSD: vero o leggenda metropolitana, vediamo bdi cosa si tratta. WikiLeaks nel mirino di phishing e spam. TrendMicro spiega gli attacchi Ddos condotti da Anonymous

Allarme Backdoor Fbi in OpenBSD: secondo un ex sviluppatore il governo americano tramite l’Fbi avrebbe inserito delle backdoor (letteralmente: “porte di servizio”), canali privilegiati, in OpenBSD, un sistema open source che ha sempre puntato sulla sicurezza. Secondo il racconto di Gregory Perry, ex dipendente dell’ente governativo americano NETSEC, circa dieci anni fa l’FBI inserì delle backdoor nel framework crittografico di OpenBSD (’Open Cryptographic Framework  – OCF). Secondo alcuni si tratta di una leggenda metropolitana e comunque da “prendere con le pinze”. E pensare che Richard Stallman si era appena scusato della vecchia accusa, risultata infondata, a Mac OS X, di installare tramite backdoors e all’insaputa degli utenti delle modifiche nel software precedentemente installato. Ora nella tempesta finisce OpenBSD; ma in dieci anni il codice open source sarà ormai così cambiato da aver reso non sfruttabile la backdoor eventualmente nascosta in OpenBSD.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore