Sicurezza 7/7: Fbi chiude MegaUpload e MegaVideo, Anonymous all’attacco di Riaa e Mpaa, Smascherata la gang di Koobface

AziendeMalwareSicurezza
Battaglia legale per i dati di MegaUpload

I responsabili dei siti MegaUpload, MegaVideo e MegaPorn,sigillati dall’Fbi, rischiano 60 anni di carcere. Sophos mette alle corde Koobface

Fbi chiude MegaUpload, MegaVideo e MegaPorn: Il Dipartimento di Giustizia statunitense ha ordinato all’Fbi di mettere fine all’hosting pirata, chiudendo i battenti di MegaUpload e MegaVideo (ma anche MegaPorn§), la cui attività di pirateria illegale avrebbe generato 175 milioni di dollari, e procurato danni per 500 milioni di dollari di perdite per Hollywood e i detentori legittimi del copyright. Ma l’accusa più grave sarebbe quella di riciclaggio. I responsabili dei siti di hosting rischiano 60 anni di carcere. L’ operazione ha coinvolto le forze dell’ordine e la Giustizia di vari paesi: Stati Uniti, Canada, Olanda, Regno Unito, Germania, Nuova Zelanda, Hong Kong, Australia e Filippine. Kim Dotcom, all’anagrafe Kim Schmitz, è il tedesco di 37 anni residente in Nuova Zelanda, considerato il padre della rete di file-sharing e video in streaming: fa parte del gruppo dei 7 arrestati di “Mega Conspiracy”.

Anonymous si è vendicata andando all’assalto di Riaa e Mpaa: messi offline i siti del Dipartimento di giustizia (DoJ), e delle associazioni anti pirateria RIAA, MPAA, e di Universal Music, oltre al sito di Copyright Office.

MegaUpload chiuso dall'Fbi
MegaUpload chiuso dall'Fbi
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore