Sicurezza 7/7: Il caso degli hacker LulzSec, Furto dati, Malware al cellulare

CyberwarMarketingSicurezza

Gli hacker LulzSec hanno attaccato la Cia, siti di videogame e bloccato il Senato statunitense: l’hacking per divertimento. Dopo i cyber attacchi a FMI, Citigroup e Sony, ecco l’ultima vulnerabilità a rischio ffurto dati. Malware mobile: come proteggere Android

Il caso degli hacker LulzSec: Il gruppo di hacker Lulz Security (Lulzsec) proclama di aver bloccato il funzionamento del sito della CIA con un attacco di denial of service distribuito. L’attacco contro la Cia giunge dopo quello al sito del senato statunitense, e ai siti di videogame (Sony e Nintendo), Magnets, il server dei gioco di ruolo Eve Online e di Betsheda. Hanno inviato anche un’email al National Health Services in UK per avvertirli di una falla non resa pubblica. Il nome del gruppo deriva dal neologismo Lulz composto di LOL (laughing out loud , nel gergo di internet) e Security: il gruppo torna alle origini dell’hacking quando era mosso dal “divertimento” (“Considering fun is now restricted to Friday, where we look forward to the weekend, (…) we have now taken it upon ourselves to spread fun, fun, fun, throughout the entire calendar year“). Si parla di “bombardamento a tappeto”. Questi attacchi ad alto profilo stanno dimostrando la fragilità delle “difese perimetrali di tutto il web“: meglio difendere i dati sensibili dei database, piuttoso che concentrarsi su una vana difesa dei “bordi della rete” (Fonte: Application Security). Lulzsec e Anonymous sono i due principali gruppi di hacktivist sui quali si sta concentrando al momento l’attenzione dell’opinione pubblica. Anonymous, per difendere WikiLeaks, aveva attaccato Mastercard e PayPal. Gli attacchi consistono soprattutto in DDOS che  sovraccaricano i siti. Proprio nelle ultime ore Annonymous ha condotto un attacco DDoS, simbolo del dissenso digitale, contro decine di siti in Malaysia, compreso quello ufficiale del governo di Kuala Lumpur. Il paese aveva deciso di oscurare Wikileaks.

LulzSec
LulzSec
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore