Sicurezza 7/7: Il worm Duqu al cuore di Windows, La censura in Italia, Malware per Mac a tripla cifra, Come gli utenti italiani si proteggono dalle minacce online

AziendeMalwareSicurezza
Le dieci minacce alla sicurezza IT nel 2014

La rubrica Sicurezza questa settimana esamina il caso Duqu e lo stato della cyber censura nel mondo e in Italia. Sophos vede i malware per Mac a tripla cifra. G Data analizza la sicurezza al Pc degli italiani

Il worm Duqu al cuore di Windows: l’infezione dei computer via worm Duqu si sta diffondendo con la complicità involontaria dei documenti Microsoft Word, secondo il report. Microsoft ha confermato l’analisi targata CrySyS (Laboratory of Cryptography and Systems Security) dell’Università di Budapest: il Trojan Duqu sfrutterebbe una falla zero day, presente nel kernel di Windows. In attesa della patch, l’exploited sfrutta la vulnerabilità embedded nei file Word, consentendo a Duqu di modificare la protezione sicurezza dei computer. Il codice sembra ideato con l’obiettivo di attaccare i sistemi industriali e presenta affinità con Stuxnet. Microsoft sta preparando la patch per risolvere la grave falla.

La censura in Italia: dall’annuale Transparency Report di Google le Forze dell’Ordine statunitensi e i tribunali hanno richiesto la rimozione di 757 oggetti dai server di Google, soprattutto video di YouTube in ci venivano mostrate le violenze perpetrate dagli agenti. Il dato, registra un aumento del 70 per cento rispetto al precedente periodo di rilevamento. Gli altri paesi non sono da meno: il Regno Unito segna un incremento del 71 per cento, la Corea del Sud del 36 per cento, la Spagna del 28, la Germania del 38. In Libia tutti i servizi Google sono risultati inaccessibili per tutto il periodo rilevato e che in Cina lo stesso è valso per YouTube. Per quanto riguarda l’Italia , il governo ha chiesto la rimozione di 36 video di cui ne sono stati rimossi 31: solo il 64 per cento delle richieste sono state accolte. In generale, sono stati rimossi 80 contenuti, la maggior parte dei quali da YouTube per diffamazione e violenza (rispettivamente 16 e 18), altri per diffamazione da parte di blogger (18). Ammontano a 934, invece, le richieste di rimozione di dati personali. I siti oscurati in Italia sarebbero migliaia: secondo alcuni calcoli potrebbero ammontare a 6 mila siti.

Malware per Mac a tripla cifra: secondo un report di  Sophos gli attacchi malware nei confronti dei Mac sono cresciuti del 600% nell’ultimo quadriennio. Il mito del Mac sicuro viene sfatato dalla ricerca di Sophos.

Come gli utenti italiani si proteggono dalle minacce online: in Italia un utente di Internet su dieci naviga senza protezione. Secondo G Data ritiene che gli italiani si affidino agli antivirus gratuiti considerati performanti quanto quelli a pagamento. “Gli utenti Internet che non usano adeguate soluzioni di sicurezza per proteggersi dai malware e dai cyber attacchi rischiano di diventare vittime dei criminali online”, spiega Eddy Willems, G Data Security Evangelist. “Gli utenti possono proteggersi solo se utilizzano dei software completi per la sicurezza informatica. Oltre alla protezione antivirus questi dovrebbero includere tecnologie per individuare malware sconosciuti come pure protezione in tempo reale  contro codici maligni ignoti. I pacchetti di sicurezza che includono un firewall integrato, un modulo antispam e un filtro web sono in grado di garantire la massima protezione. Se tutti questi componenti sono armonizzati tra di loro e connessi l’un l’altro, possono garantire la miglior protezione possibile contro ogni tipo di attacco.
Quasi l’11% degli utenti Internet italiani naviga sul web virtualmente senza alcune protezione. Il report risponde anche ai seguenti interrogativi: Che cosa sanno gli utenti sulle minacce e i rischi di Internet; come si proteggono gli utenti dalle minacce online; comportamento sui social network; chi è più informato fra più giovani o più anziani; se gli uomini sono navigatori migliori oppure no.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore