Sicurezza 7/7: Perdita di dati, Furto di password in Italia, Cyber Warfare

AziendeMalwareSicurezza
ESET NOD32: i cyber navigatori italiani minacciati dal furto di password

Secondo Symantec e Ponemon, ogni record perso o rubato costa 95 euro alle aziende italiane. ESET NOD32: i cyber navigatori italiani minacciati dal furto di password

Perdita di dati: secondo Symantec e Ponemon, ogni record (ovvero le informazioni personali e/o aziendali) perso o rubato costa 95 euro alle aziende italiane per un totale di 1.729.307 euro annui. Inoltre la maggior parte delle violazioni dei dati è causata da errori umani e di sistema: mancanza di controlli da parte dei dipendenti, mancanza di controlli del sistema e violazioni delle normative di settore e dei governi. Rispetto al 2011, il costo della violazione dei dati per le aziende italiane è lievitato del 19%. Nel 2012, la violazione dei dati alle aziende italiane è costata in media 1.729.307 euro, con un incremento del +22% rispetto all’anno precedente. Lo scorso anno, il costo aziendale per ciascun record rubato o perduto è stato di 95 euro. I primi tre settori più affetti da perdite sono stati quello consumer, seguito dal finanziario e al terzo posto da quello tecnologico. I costi derivanti dalla perdita di business rappresentano la componente più rilevante nella totalità dei costi derivanti da una violazione dei dati. Se nel 2011, i costi derivanti dalla perdita di business si attestavano a circa 397.000 euro, nel 2012 sono saliti del 51,5% raggiungendo la cifra di 601.000 euro. Rispetto agli altri Paesi analizzati, l’Italia si coloca al 3° posto per la perdita dei clienti, con il 3,8% di turnover o perdita dei clienti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore