Sicurezza 7/7: Twitter sotto pressione in Turchia; Trend Micro collabora con Interpol

AziendeMalwareMarketingSicurezzaSocial media
Twitter sotto pressione in Turchia

il governo turco, guidato dal Primo ministro Recep Tayyip Erdogan, ha chiesto al micro-blogging Twitter di aprire un ufficio nel Paese. L’Interpol , a Singapore entro il 2014, realizzerà l’Interpol Global Complex for Innovation (IGCI) contro il cyber-crime, col collaborazione di Trend Micro

Twitter sotto pressione in Turchia: il governo turco, guidato dal Primo ministro Recep Tayyip Erdogan, ha chiesto al micro-blogging Twitter di aprire un ufficio nel Paese, in modo che i suoi rappresentanti possano essere raggiunti più facilmente. La richiesta da parte del governo turco, dopo le grandi proteste, gli scontri di piazza e i morti, rende manifesto quanto Twitter sia sotto pressione ad Istanbul. La Turchia vuole un “interlocutore” a cui chiedere “di correggereggere un errore quando viene commesso”: parole chiare. Né Twitter né Facebook hanno uffici in Turchia; solo Facebook ha uno staff a Londra dedicato al Paese, ma il social network nega di aver fornito dati sui manifestanti alle autorità turche. Lo riporta la Bbc. Sono soltanto stati chiusi “profili falsi”, dei Fake. Il mondo dei social network sta cercando di ripristinare fiducia dopo le accuse del caso Prism e dello scandalo Datagate.

Twitter sotto pressione in Turchia
Twitter sotto pressione in Turchia
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore