Sicurezza: la Top ten di gennaio

firewallSicurezza

TrendMicro stila la hit parade di worm e virus in agguato in Rete nel 2005

Non è iniziato molto bene il 2005 per la sicurezza informatica. I programmi pericolosi documentati da Trend

Micro nel mese di gennaio sono 2.236, il 500% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e oltre il 100% in più rispetto al mese precedente. I Trojan

horse continuano a dominare la scena (53% dei casi rilevati), mentre il worm

Netsky.P si riconferma al vertice della classifica dei virus più diffusi. La Top 10 dei malware vede la presenza di altre quattro varianti di NETSKY e del similare HTML_NETSKY.P. Insieme tutte queste varianti costituiscono il 67% di tutte le infezioni registrate. In crescita è inoltre la diffusione di programmi cosiddetti grayware, in particolare gli spyware (ma anche adware, tool di hacking, dialer e altre minacce assortite). Sul versante cellulari è arrivata una nuova minaccia: il virus Vlasco. Dopo SYMBOS_CABIR e SYMBOS_SKULLS ha fatto la sua comparsa un altro malware che si diffonde attraverso i dispositivi mobili Bluetooth. SYMBOS_VLASCO è il terzo malware documentato che colpisce telefoni e dispositivi portatili. Non ha avuto invece successo il tentativo di sfruttare la tragedia dello tsunami con il WORM_ZAR.A. Sul fronte Windows, Microsoft ha rilasciato tre bollettini di sicurezza per avvisare gli utenti della scoperta di nuove vulnerabilità all’interno di Windows in grado di favorire l’esecuzione di codice in remoto. Alcuni tipi di malware hanno già tentato di sfruttare tali vulnerabilità. Trend Micro ha identificato il malware HLP_HEAPINTX.A, che sfrutta la vulnerabilità MS05-001, mentre TROJ_LOADIMG.A e EXPL_LOAD_ANI.A fanno leva sulla vulnerabilità MS05-002. Tutte queste tre vulnerabilità compromettono la sicurezza di sistema aprendo la porta a potenziali danni irreversibili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore