Sicurezza, il VoIp inciampa sul suono dei tasti

NetworkVoip
Sicurezza, il VoIp inciampa sul suono dei tasti
2 4 Non ci sono commenti

Il rumore dei tasti su desktop e notebook consente di decodificare password, indirizzi email o codici digitati durante una chiamata o una videochat Voip

La tastiera non è silenziosa e ciascun tasto genera un suono diverso. Dall’analisi della tonalità è possibile risalire ai dati sensibili scambiati su Skype, su Google Hangouts, ma anche sui più popolari software VoIP (Viber eccetera). Lo rivela una ricerca internazionale, pubblicata su arXiv, condotta dall’Università di Padova, dalla Sapienza di Roma e dall’Università Irvine della California, secondo la quale non sono sicure le comunicazioni che passano dalla tastiera del proprio Pc mentre si comunica con il VoIP. Se, durante gli oltre tre miliardi di minuti di audio e videoconferenze su Skype (od altri programmi Voip), in contemporanea, scrivete email, inviate messaggi via WhatsApp Web o attraverso le chat di Facebook, Twitter e Instagram, tali messaggi possono essere ricostruiti e spiati, decodificando il rumore della tastiera.

Sicurezza, il VoIp inciampa sul suono dei tasti
Sicurezza, il VoIp inciampa sul suono dei tasti

La digitazione sulle tastiere di desktop e notebook produce suoni che, se registrati (anche da remoto) durante una chiamata online, consentono di decodificare il testo digitato. La registrazione può essere effettuata anche da remoto, ricorrendo ai software di telefonia attraverso il web che, non alterando il suono dei tasti, permettono di accedere alle informazioni.

Le probabilità di individuare una password, un indirizzo email o un codice digitato al Pc oscillano tra il 42 e il 92 per cento, a seconda della tastiera utilizzata e dello stile di digitazione: “La T schiacciata su un MacBook emette un suono diverso rispetto alla stessa lettera digitata su un altro computer o alla R, che pure si trova accanto sulla tastiera“, precisa lo studio, ma dal suono dei tasti è possibile risalire al modello di tastiera utilizzato dall’ignara vittima.

La soluzione? Usare tastiere touch su smartphone, ibridi e tablet o tastiere olografiche, se proprio si deve digitare durante chiamate o videochat Voip.

WhitePaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il Whitepaper: Un’unica soluzione firewall per proteggere l’intera rete aziendale

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore