Siti di servizio: Obbligo Pec per ditte individuali, Indennizzo ritardi PA, Accesso semplificato al fondo centrale imprese per le Startup

Autorità e normativeAziendeMercati e FinanzaNormativa
La PEC entro il 30 giugno per ditte individuali

La PEC entro il 30 giugno per ditte individuali. Con decreto sono state individuate le modalità e i criteri di accesso all’intervento del Fondo centrale di garanzia in favore delle startup. L’indennizzo dei ritardi PA

Obbligo PEC per ditte individuali: Entro il 30 giugno, le imprese di più piccole dimensioni e le ditte individuali devono dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). Attualmente sarebbe in regola solo il 9% dei 3 milioni di ditte. Chi non sapesse come gestire una casella di posta certificata può demandare questa attività a un commercialista. Register.it offre PecAgile e Pec UnicaAruba  ha lanciato un Programma Partner indirizzato espressamente alla comunità dei commercialisti. Libero Mail PEC è il servizio di Posta Elettronica Certificata della webmail di Libero.

Indennizzo ritardi PA: il comunicato di sintesi del governo assicura un indennizzo di 50 euro al giorno fino a un tetto massimo di 2mila euro.

Accesso semplificato al fondo centrale imprese per le Startup: Il Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, ha individuato con decreto le modalità e i criteri di accesso all’intervento del Fondo centrale di garanzia in favore delle startup innovative e degli incubatori certificati. La garanzia del fondo sui finanziamenti bancari sarà concessa a titolo gratuito alle startupinnovative e agli incubatori certificati. La garanzia potrà coprire fino allo 80% del credito ottenuto e sarà concessa sulla base di criteri di accesso estremamente semplificati.

La PEC entro il 30 giugno per ditte individuali
La PEC entro il 30 giugno per ditte individuali
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore