Siti di servizio: Stop al Durc, Dove Salute, Taglio cuneo fiscale, Taglio Irap

AziendeManagementNetwork
Semplificazione fiscale: 730 precompilato dal 2015
0 0 Non ci sono commenti

Il DURC viene dematerializzato per 5 milioni di imprese. Nasce il TripAdvisor della sanità. Taglio del 10% dell’Irap e riduzione di 10 miliardi di euro del cuneo fiscale

Stop al Durc: gli adempimenti non saranno a carico delle aziende, saranno gli organi di controllo a controllare la regolarità. Il DURC viene dematerializzato per 5 milioni di imprese: il sostituto vale 4 mesi, più 2 di periodo sui pagamenti scaduti.

Dove Salute: I pazienti potranno dare voti e stelle agli ospedali, giudicando criteri quali l’accoglienza, la pulizia, le liste d’attesa e la cortesia. Dovesalute.gov.it punta sulla trasparenza, diventando il TripAdvisor della sanità. Attualmente, solo 49 istituti (Irccs) in tutta Italia, e fra questi solo 6 al Sud, verranno sottoposti alla valutazioni degli utenti. Ma l’ambizione è di ampliare il censimento anche alle strutture sotto il governo regionale. E poi si espanderà dall’assistenza ospedaliera a quella territoriale: guardie mediche, farmacie eccetera. Sarà una “lente d’ingrandimento” per individuare le lacune del pianeta salute, da un lato, e premiare chi opera al meglio, dall’altro. Ai pazienti basta entrare in Dovesalute.gov.it immettendo la “malattia” e la “città”, per scoprire dove ci si può curare, nelle condizioni migliori. Gli Open Data forniranno informazioni sui posti letto, apparecchiature di diagnostica, unità operative, consentendo agli utenti di commentare tutto: dalla cortesia alla pulizia, dall’accoglienza alla qualità dei pasti.

Taglio cuneo fiscale: 10 miliardi di euro per 10 milioni di dipendenti ed assimilati. Il taglio permetterà l’aumento dal primo maggio della detrazione Irpef in busta paga ai lavoratori dipendenti sotto i 25 mila euro di reddito lordi. Si prevede un aumento di circa 1000 euro netti annui.

Taglio Irap: è previsto un taglio del 10% per un valore totale di 2,4 miliardi di euro. La copertura sarà assicurata dall’incremento della tassazione sulle rendite finanziarie (dal 20% al 26%) ad esclusione dei BOT (la cui aliquota resta al 12,5%). Entro il mese di luglio saranno sbloccati 68 miliardi di euro circa di Dbiti PA: il credito maturato dalle aziende nei confronti della PA potrà esere ceduto alle banche in cambio liquidità. A garantire sulla cessione sarà la Cdp.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore