Siti Pubblici di qualità

Network

Il Ministro dellInnovazione Lucio Stanca annuncia lacquisizione di un nuovo suffisso per i siti Istituzionali, ma non tiene conto dei veri motivi ostativi ad un reale sviluppo della P.A. nel Web.

di Michele Iaselli ROMA – Il Ministro dellInnovazione e delle Tecnologie Lucio Stanca ha annunciato di aver acquisito un nuovo dominio di secondo livello gov.it che sarà il suffisso di tutti quei siti dellAmministrazione Centrale e Periferica che possiedano determinati requisiti di affidabilità. Il Ministro ha inoltre precisato, che il suo Dipartimento produrrà in tempi brevi una direttiva che fisserà i criteri ai quali i siti dovranno attenersi per conseguire il nuovo suffisso. Evidentemente, come si può intuire dalle ultime iniziative assunte in campo normativo anche se di livello secondario, il Ministero dellInnovazione per realizzare i propri progetti ha necessità di contare su siti della categoria Government davvero ineccepibili dal punto di vista sia della varietà dei contenuti che della qualità dei servizi offerti. Ma è opportuno che lo stesso Ministero dellInnovazione tenga conto dei risultati di una recente ricerca statistica della società Nielsen/NetRatings, che pur registrando negli ultimi tempi un notevole aumento degli utenti che si sono collegati dalle proprie abitazioni almeno una volta a pagine web Istituzionali, hanno evidenziato due aspetti particolarmente critici e cioè 1. scarsa diffusione della c.d. banda larga nelle connessioni telematiche che consente una navigazione ed un trasferimento dati ad alta velocità; in effetti il 90% delle connessioni avviene con modem poco veloci; 2. limitato ricorso degli italiani alla tecnologia per collegarsi alla Rete, considerato che coloro che hanno a disposizione a casa gli strumenti necessari sono circa 21 milioni, mentre quelli che si connettono almeno una volta al mese sono poco meno della metà. [STUDIOCELENTANO.IT]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore