Sky – Telecom, intesa per la Tv su fibra ottica

NetworkProvider e servizi Internet
La via italiana alla banda larga
7 8 Non ci sono commenti

Telecom Italia e Sky hanno annunciato un’offerta congiunta di servizi in fibra ottica del gruppo Tlc insieme ai contenuti della Tv satellitare

Il risiko della convergenza fra tv, telefono e internet arriva anche in Italia, grazie all’accordo fra Sky e Telecom Italia. Conferate le indiscrezioni di stampa: Telecom Italia e Sky hanno annunciato un’offerta congiunta dei servizi a banda ultralarga (Adsl a 20 Mega) o a fibra ottica del gruppo Tlc insieme ai contenuti della Tv satellitare. Non si tratta di un contratto in esclusiva.

Sky-Telecom, intesa per la Tv su fibra ottica
Sky-Telecom, intesa per la Tv su fibra ottica

Sky, attraverso la fibra ottica di Telecom Italia, porta i suoi canali a circa un milione di famiglie italiane, attualmente impossibilitate, per problemi tecnici, a montare una parabola sul tetto della propria abitazione.

Sky riceverà, in cambio, un “canone” annuale da Telecom Italia, mentre il gruppo Tlc prova ad ampliare il parco clienti con abbonamenti in banda larga, guadagnando sul valore aggiunto della fibra ottica. In base all’accordo, Telecom Italia s’impegna ad acquistare 120.000 decoder all’anno per 70 milioni di euro.

Nei mesi prossimi, Telecom Italia aveva corteggiato Mediaset Premium, ma al momento sembra sfumata, a causa degli oneri finanziari già assunti con Sky.

Da oggi, al prezzo di 39 euro al mese per il primo anno (poi saliranno a 59 euro), propone alle famiglie raggiunte dal segnale a fibra ottica (da 30 a 100 Megabit o da quello Adsl a 20 Mbps) un servizio che abbina connessione fissa, mobile, servizio voce con i contenuti televisivi. Chi è già cliente Telecom, il primo anno spenderà solo 14 euro al mese. Sky offre l’intero pacchetto intrattenimento – senza differenze rispetto all’offerta satellitare -, mentre i canali di sport, calcio e cinema sono disponibili a un costo ulteriore, oltre all’accesso a SkyGo su rete mobile Tim.

Telecom Italia è impegnata anche nel risiko delle Torri: è previsto il Progetto Eiffel, l’offerta pubblica di vendita fino al 40% della Infrastrutture Wireless Italiane. Avverrà a giugno, con un valore di circa 1,5 miliardi (forte di 135 milioni di Ebitda), ma Telecom Italia spera di arrivare a 1,6-1,7 miliardi.

La società ha chiuso il 2014 riportando in utile il bilancio, mettendo a segno profitti consolidati pari a 1,35 miliardi di euro, rispetto al rosso da 674 milioni di euro del 2013. I ricavi dell’esercizio si attestano a 21,57 miliardi, in calo del 7,8%. L’assemblea dei soci si terrà il prossimo 20 maggio.

Cosa conosci della storia di Telecom Italia? Misurati con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore