Skype a rischio pedofilia

Sicurezza

Un test condotto dal quotidiano britannico Times ha messo in evidenza la
presenza di pedofili sul circuito chat di Skype

Alcuni giornalisti del quotidiano britannico si sono finti ragazzine dichiarando un’età compresa tra 13 e 14 anni e disponibilità alla conversazione, ricevendo in brevissimo tempo proposte choc da uomini che hanno richiesto foto e tentato di organizzare incontri . Durante il test infatti, tre uomini, tra i 30 e i 50 anni, senza troppi preamboli, hanno provato a ‘rimorchiare’ le adolescenti, prima chiedendo loro di inviare delle foto e poi addirittura proponendo incontri per vedere video insieme. Il giornale londinese ha contattato Kurt Sauer, capo della sicurezza della casa svedese di telefonia on line, che ha detto come quello della safety sia un tema al centro dell’impegno di Skype. Per cercare di proteggere i più piccoli infatti, la casa svedese ha realizzato una versione ‘per i più piccoli’ di Skype, chiamata ‘Skypito’ che permette un ‘parental control’ limitativo in grado di dare meno margini di intrusione ai pedofili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore