Skype e Vodafone alla guerra del VoIp

MarketingNetworkProvider e servizi InternetVoip

Aspro botta e risposta fra Vodafone e Skype. Le nuove tariffe di Vodafone ostacolano la telefonia su Internet e la neutralità della Rete

La Net neutrality, che ha validità nel fisso, viene azzerata in ambito mobile. Succede nel lancio delle nuove offerte dati da parte di Vodafone. La tariffa riduce il traffico dati, ed obbliga gli utenti Voip a scegliere una tariffa a parte. Vodafone vieta di usare sotto rete 3G Skype, il client Voip (per telefonbare e effettuare videochat su Internet).

Per sfruttare Skype, Viber e gli altri Voip (su iPhone o Android) adesso bisogna abbonarsi all’opzione Mobile Internet Plus al prezzo di 8 euro a settimana per 2 Gigabyte di dati, oppure è necessario sottoscrivere altre tariffe.Ma Skype non ci sta a questa retromarcia di Vodafone contro il Voip: E’ un attacco alle libertà dei consumatori“.

Vodafone viene accusata di dare l’addio alla Net neutrality. Scrive Skype: Alcuni operatori di telefonia mobile hanno messo in atto in modo arbitrario restrizioni contrattuali o tecniche che limitano quello che gli utenti possono fare online. Questi operatori talvolta si schierano apertamente a favore della neutralità della rete, ma la definizione che ne danno spesso non è in linea con la nuova normativa europea delle telecomunicazioni o con le aspettative degli utenti e lascia spazio a numerose limitazioni“.

Il botta e risposta è aspro. Replica Vodafone: “La priorità per la nostra azienda è la trasparenza: offriamo tariffe di ogni tipo e per ogni fascia di utenza. Alcune comprendono il Voip, altre no. Naturalmente, il traffico Voip ha un costo, ma è un tipo di servizio che può non interessare a tutti. Per questo tipo di clienti, ci sono offerte che non comprendono l’utilizzo del Voip, a costi inferiori rispetto a quelle che lo comprendono“. Skype difende la Net neutrrality: In base alla nuova normativa dell’Unione Europea sulle telecomunicazioni, il cui recepimento nelle leggi nazionali è previsto entro maggio 2011, le autorità devono proteggere “le libertà di Rete”, compresa la possibilità per gli utenti finali di accedere ed utilizzare le applicazioni, i contenuti e i servizi a loro scelta su Internet.

Però anche negli Stati Uniti la neutralità della rete vale sul fisso ma non ancora sul mobile. Attualmente solo la 3 permett il VoIP su 3G.In questo contesto in fibrillazione, AgCom promuove uno studio della Net neutrality in Italia: il documento verrà pubblicato dall’Autorità sui servizi di VoIP e P2P. Si tratta di un’indagine conoscitiva per verificare se ci sono filtri e per evitare la discriminazione di servizi e contenuti Internet da parte degli Internet provider (Isp). La ricerca si ripromette di individuare “il giusto equilibrio tra la parte di banda (e di Rete) da dedicare ai servizi che necessitano di una gestione e la parte di banda che deve continuare a garantire l’accesso ad Internet sulla base del principio del best effort“.

La guerra degli operatori mobili alla telefonia su Internet mobile,è di lunga data. Tanto che l’apertura a Skype e Voip su 3G è giunta solo di recente. Già nel 2009 Vodafone cercava di ostacolare lo sbarco di Skype su iPhone.

Skype 3G su iPhone
Skype 3G su iPhone
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore