Skype si quoterà in Borsa nel 2011

AziendeMarketingNetworkVoip

L’Ipo di Skype, l’azienda del Voip, è attesa per l’anno nuovo. A partire da un miliardo di dollari

La telefonia su Internet di Skype punta alla quotazione in Borsa. L’Ipo è attesa nel 2011 e l’Initial public offering partirà da 1 miliardo di dollari, ma gli investitori dovranno aspettare fino all’anno prossimo per il prezzo.

Skype ha reso il Voip (Voice over Ip) di massa. L’ IPO spazierà fra 750 milioni di dollari e 1 miliardi di dollari. A guidare la quotazione come book runner è Goldman Sachs con manager di JPMorgan, Morgan Stanley, BofA Merrill Lynch, Barclays Capital e Citigroup.

Solo un anno fa Skype è tornata indipendente da eBay , acquisita da una fila di investitori guidati da Silver Lake (compreso il Canada Pension Plan Investment Board).Nei mesi scorsi si diceva che Cisco potesse essere interessata ad acquisire Skype, ma l’azienda del Voip preferisce correre in Borsa. Skype ha superato i 400 milioni di utenti registrati (novembre 2009), ed era stata acquisita da eBay per 2,6 miliardi di dollari.

Da inizio ottobre Skype ha un nuovo Ceo: Tony Bates, ex manager Cisco. E non è un caso che Bates sia l’ex “astro nascente” di Cisco (come riporta il Financial Times): mentre Cisco vuole sfidare Skype nel consumer, Skype sta provando a cavalcare il mercato business. Bates porta in dote a Skype grande esperienza corporate, dopo essere stato manager nelle divisioni enterprise, commerciale e small business.

Tony Bates, nuovo Ceo di Skype
Tony Bates, nuovo Ceo di Skype
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore